26/05/2024
12/05/2010

GB:
Cameron Presidente

Una ventata di rinnovamento arriva in Gran Bretagna. Il conservatore David Cameron, 43 anni, è il nuovo Primo Ministro britannico, e verrà sostenuto da una maggioranza parlamentare formata con i Liberaldemocratici di Nick Clegg

Una ventata di rinnovamento arriva in Gran Bretagna. Il conservatore David Cameron, 43 anni, è il nuovo Primo Ministro britannico, e verrà sostenuto da una maggioranza parlamentare formata con i Liberaldemocratici, che entrano nel governo come parte di una "vera e piena" coalizione con i Tory, nelle parole del neo-premier.

Dopo 13 anni i conservatori tornano a Downing Street, dopo le dimissioni di Gordon Brown, date con un commosso addio e con un'immediata visita a Buckingham Palace dove ha consegnato le sue dimissioni a Elisabetta II, unite al consiglio costituzionale sul nome del suo successore: David Cameron.

Per la prima volta nei 22 anni della loro storia arrivano al governo anche i Lib-Dem e l'intesa raggiunta con i Tory sembra di quelle che anche la base più recalcitrante difficilmente potrà contestare: Nick Clegg, il giovane leader, sarà il nuovo vice premier, come è già stato annunciato ufficialmente, e nella 'squadra' il partito avrà altri quattro ministri.

Dopo l'uscita da Buckingham Palace di Brown, è stata la volta di Cameron, che nella serata di ieri ha ricevuto l'investitura a nuovo Presidente dalla regina Elisabetta II.

"Metteremo da parte le divergenze - ha promesso Cameron - per dare al Paese un governo forte e stabile" che possa affrontare i principali problemi, tra cui "l'enorme deficit" e "la riforma del sistema politico".

Ma la travagliata nascita della nuova coalizione  di governo in Gran Bretagna - la prima dalla Seconda Guerra Mondiale - segna l'inizio di una legislatura che si preannuncia
tutt'altro che tranquilla: l'ipotesi prevalente è infatti quella di un ritorno alle urne non appena l'emergenza economica sarà stata superata.

A sostenere il nuovo governo inglese due telefonate che il neo Premier ha già ricevuto:la prima da  Barack Obama, che ha ribadito gli "speciali legami" tra Gran Bretagna e Stati Uniti, la seconda da Angela Merkel, che ha invitato il nuovo premier a Berlino.