21/05/2024
16/12/2010

Assange libero
su cauzione

Assange sarà liberato su cauzione. Lo ha deciso la Royal Court of Justice dopo un'udienza durata 90 minuti, e nel corso della quale è stato vietato l'utilizzo di Twitter per comunicare con l'esterno, che ha approvato la richiesta dei legali dell'hacker australiano

Assange sarà liberato su cauzione. Lo ha deciso la Royal Court of Justice dopo un'udienza durata 90 minuti, e nel corso della quale è stato vietato l'utilizzo di Twitter per comunicare con l'esterno, che ha approvato la richiesta dei legali dell'hacker australiano.
Respinto dunque il ricorso presentato dalla procura svedese contro la decisione dei giudici di primo grado.

Tra le condizioni a cui Assange dovrà sottostare c'è quella di indossare un braccialetto  elettronico e di recarsi ogni giorno a firmare alla stazione di polizia. L’australiano dovrà risiedere nella villa dell'amico e sostenitore Vaughan Smith nel Suffolk.


Il fondatore di WikiLeaks dovrà aspettare la pronuncia dei giudici l'11 gennaio, che decideranno sulla sua estradizione in Svezia.
Al momento ancora non si sa quando l'australiano uscirà effettivamente dal carcere ma, secondo gli avvocati, "è improbabile che Julian Assange venga liberato già a partire da questa sera".

Grida di giubilo dei tanti sostenitori di Assange, in attesa all’esterno della Corte, si sono levate alla notizia della imminente liberazione.

Sull’altra sponda dell’Oceano Atlantico la notizia è stata accolta con tutt’altro spirito. Le autorità statunitensi starebbero raccogliendo nuove prove contro Assange. Il tutto proprio nei giorni in cui WikiLeaks pubblica documenti riservati sulla British Petroleum. Da una comunicazione riservata dell'ambasciata Usa a Baku emergerebbe che diciotto mesi prima dell'incidente che provocò la marea nera nel Golfo del Messico c'era stata un'esplosione su un'altra piattaforma della Bp, in Azerbaigian, tenuta nascosta.

E oggi è tornato online il sito WikiLeaks originale, che era stato oscurato il 3 dicembre scorso da un provider Usa.