16/06/2024
28/08/2011

Bye, bye
Irene

L'uragano diventa tempesta tropicale e non devasta la Grande Mela. Smette di piovere ma rimane alto il rischio inondazioni causate dall'alta marea. A Washington si torna a volare. In totale sono 4 milioni le abitazioni rimaste senza elettricità sulla East coast. 14 morti in 5 stati

nycResta ancora alta l'allerta inondazione, ma a New York l'uragano Irene è arrivato declassato a tempesta tropicale. Nella parte sud est della città ha smesso di piovere e sono numerose le persone scese in strada, ignorando l'appello delle autorità, per vedere gli effetti di Irene sul loro quartiere.

In una Times Square insolitamente deserta, i taxi gialli corrono per le strade vuote, mentre il traffico si sta riprendendo con lentezza, a causa dei molti detriti per le strade. Poco alla volta i turisti riconquistano "l'ombelico del mondo". Il peggio sembra dunque passato; vento e pioggia non hanno creato i danni temuti. Resta ancora l'incognita dell'allagamento a downtown, nella parte meridionale della città. La marea potrebbe salire nelle prossime ore e allagare strade e tunnel di servizio. Le autorità hanno già parzialmente chiuso l'Holland tunnel, che collega il New Jersey a Soho, nel sud- ovest di Manhattan, mentre a Lower Manhattan le strade sono sommerse da circa venti centimetri d’acqua, ma la zona è quasi totalmente evacuata dopo i numerosi allarmi lanciati dal sindaco Bloomberg.

Intanto si comincia a stilare un primo bilancio della devastazione provocata da Irene. Sono complessivamente 14 i morti in cinque stati. La metà delle vittime, riferiscono autorità locali, sono state registrate in North Carolina dove l’uragano era arrivato ieri. Sarebbero 4 milioni le abitazioni rimaste senza luce, per i danni alle linee elettriche causati dai venti e dalle violente piogge.

A Washington sono ripresi i voli mentre gli aeroporti di New York al momento restano chiusi. Per facilitare la comunicazione tra le autorità e i cittadini il sito web del New York Times - di solito a pagamento - ha deciso di mettere a disposizione, in forma gratuita, tutte le notizie pubblicate sul sito che riguardano Irene. La stessa cosa farà nelle prossime ore il sito del Wall Street Journal.