Giornale radio


Raiplay

TV - PROGRAMMI REGIONALI

TV - PROGRAMMI REGIONALI

 Nello spazio della programmazione di

Rai 3



DOMENICA 21  APRILE  alle ore 9.15 ca








va in onda 


“Trieste Gli anni della psicanalisi”


di Giampaolo Penco





 

Il film prende spunto dai busti di pietra e bronzo che si trovano all’interno del Giardino Pubblico di Trieste: si immagina che, lungo i viali del giardino, siano rimaste le voci di chi ha parlato di Trieste. Sono protagonisti gli anni del primo dopoguerra e le nevrosi, da cui le classi borghesi e gli intellettuali di quel periodo erano convinti di essere afflitti. Attraverso le voci e le testimonianze provenienti dal passato, analizzate da un punto di vista psicoanalitico, entriamo nella coscienza della città, nei suoi dubbi, nelle sue divisioni. Cosa fare se la città non è quella che pensava di essere?

Passata dall'Impero Austroungarico all'Italia, Trieste doveva ricostruire l'edificio narrativo della sua esistenza, e molti cittadini, che, prima della guerra, erano abbagliati dalla promessa dell'italianità, scoprono che, una volta raggiunto tale obiettivo, la situazione si rivela ben diversa dalle aspettative. Così una parte della città, preda dei propri istinti e accecata dai propri fantasmi, finisce per rivelare il suo volto più pericoloso: un’italianità ostentata finché fa comodo, una fucina di opinioni opposte spesso inconciliabili.

In questo contesto Vienna torna a Trieste con la diffusione della psicoanalisi, che assomiglia a una forma di iniziazione, con risvolti di esclusività, un po' settari e fa balenare qualche speranza di guarigione dalle proprie nevrosi. E- come racconta Cesare Musatti - proprio grazie ad alcuni triestini, che avevano studiato a Vienna e Graz,  come ad es.,Edoardo Weiss, Ferruccio Banissoni, Vittorio Benussi, questa nuovo approccio  psicologico si diffonderà in tutt’Italia.