EURO 2016: UN GRANDE SUCCESSO DI NUMERI, QUALITA’ E INNOVAZIONE

11/07/2016 - 15:00

Un grande successo. Per ascolti, qualità, nuova offerta digital, presenza sui social network, nuova tecnologia in ultra Hd. Rai ha coperto Euro2016 con uno sforzo senza precedenti che oltre al prodotto televisivo ha per la prima volta coinvolto in maniera organica tutti i device e le piattaforme multimediali. I numeri finali testimoniano in maniera inequivocabile una scommessa vinta sotto tutti i punti di vista. 
“L’obiettivo che ci proponevamo di raccontare questi europei come un grande romanzo popolare usando anche una tecnologia web di grande qualità e in grado di arrivare ad un pubblico più ampio possibile è stato raggiunto" ha detto il Direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto. "Lo sport è un elemento fondamentale di aggregazione e Rai ha saputo svolgere il suo dovere di servizio pubblico proponendo contenuti di assoluto livello sia qualitativo che in termini di innovazione e pervasività, come dimostrano i risultati dell’area digital, il cui straordinario debutto ci rende orgogliosi anche in vista delle prossime Olimpiadi, altro evento che seguiremo a 360 gradi. Complimenti a tutti quelli che hanno lavorato su questo progetto – ha continuato il Direttore generale -  rendendolo un deciso e tangibile passo avanti nella direzione giusta, un percorso in cui lavoro di squadra, contenuti, cura, qualità, tecnologia devono correre compatti verso l’obiettivo di un’azienda che sia al tempo stesso sempre più popolare e contemporanea”. 
 
Tv e Radio
  • La Rai ha coperto l’evento con una offerta assai ampia, oltre 200 ore tra telecronache, tg sportivi e programmi dedicati all’evento, destinata a tutti i tipi di pubblico: alle telecronache delle partite su Rai1 ha affiancato su Rai4 il racconto ironico della Gialappa’s band molto apprezzato dai più giovani, l’intrattenimento di contorno de Il Grande Match pensato per una fruizione familiare, oltre alle rubriche quotidiane di aggiornamento come Il caffè degli europei su Rai2 e I giorni di Parigi su Rai3. Senza dimenticare l’ampia proposta di Radio Rai che ha assicurato la copertura da tutti i campi di gioco, con rubriche, approfondimenti per oltre 190 ore di dirette radiofoniche. 
  • Le partite degli europei hanno registrato, sommando Rai1 e Rai4, una media complessiva di 8.446.000 ascoltatori con il 37,6% di share. 
  • La finale di ieri sera ha registrato una media di 10.847.000 ascoltatori con il 49,1% di share risultando la partita degli europei senza la nazionale italiana più seguita di tutto l’evento. 
  • La partita più vista invece è stata Italia-Germania andata in onda sabato 2 luglio con 16.562.000 ascoltatori e il 66,4% di share, sempre solo sui canali Rai, con un picco di 17.8 milioni di spettatori e 74% di share al momento dei rigori. Al secondo posto la prima partita degli azzurri Italia-Belgio con 16.247.000 ascoltatori e il 55,2% di share. 
  • L’incontro più seguito con il commento della Gialappa’s band su Rai 4 è stato Italia-Spagna in onda lunedì 27 giugno alle 18:00 quando Rai 4 ha registrato 951.000 di ascolto medio e il 4,3% di share. 
  • Il Grande Match, il programma condotto da Flavio Insinna andato in onda dopo le partite su Rai 1, ha registrato una media complessiva del 15,3% di share con 1.646.000 ascoltatori: la puntata del 13 giugno, dopo Italia-Belgio ha registrato il record di ascoltatori, 3.286.000, con il 25,9% di share. 
  • Grande successo anche per l’interattività creata appositamente per le smart tv con il tasto blu del telecomando con cui è stato possibile durante la diretta delle partite seguire statistiche del match e highlights. 
Digital e Social
  • L’app RaiEuro2016 con cui potevano essere seguite partite in diretta, higlights degli incontri, informazioni su squadre e giocatori è stata scaricata da quasi 700 mila utenti. Un clamoroso successo che ha permesso tra l’altro di scrivere il record nella storia del web in Italia per un evento live: la partita Italia- Svezia di venerdì 17 giugno alle 15 è stata la più vista online con oltre 1 milione 140 mila browser unici collegati sulle piattaforme Rai e quasi 1 milione 800 mila di media views. 
  • Per la prima volta Rai è scesa inoltre in campo per raccontare  un evento sportivo sui social con una vera e propria squadra di account composta da RaiSport, Rai1, RaiRadio1, Rai4, RaiTv e RaiOfficialNews. L’hashtag #RaiEuro2016 è stato per gli utenti un vero e proprio pass per poter aprire le porte dei luoghi simbolo del calcio: gli stadi, gli spogliatoi, gli allenamenti. 
  • Le partite degli Europei sui canali Rai hanno generato complessivamente 1.550.000 tweet con una media di 57.300 tweet a partita e un picco di 360.000 tweet in occasione di Italia-Germania. Su Twitter Italia-Germania è stato l’evento sportivo più commentato a partire da settembre 2014 (inizio rilevazione Nielsen Social Tv). 
  • Con i numeri di ieri, i tweet relativi ai programmi RAI legati agli Europei hanno raggiunto la cifra di 1,9 Milioni per oltre 178.000 autori unici attivi. 
  • #Raidireeuropei è stato l’hashtag più utilizzato tra quelli lanciati dai Broadcaster con quasi 60 mila  Tweet. 
  • Dal 10 giugno al 10 luglio 2016 le pagine Facebook di Rai Sport, Rai 1, Rai 4 e RaiRadio1 hanno registrato 600 mila interazioni da parte di 440 mila utenti unici e una crescita di 48.314 fan complessivi pari al +7% in soli 30 giorni (fonte Sprout Social). 
  • Per la prima volta nella storia della Rai, su Facebook sono stati prodotti più di mille minuti di video Live in diretta dai campi da gioco, dalle trasferte della Nazionale, dalle piazze delle città francesi e dall'Auditorium del Foro Italico: questi live hanno totalizzato oltre 2,5 milioni di visualizzazioni. Dai diversi profili coinvolti sono stati inoltre prodotti più di 500 video Vod per un totale di quasi 2 milioni di visualizzazioni. 
  • Per la prima volta Rai è arrivata anche su Snapchat con le Live Stories di RaiSport e gli esclusivi snap degli insider a bordo campo: 345 contributi con una media di 350/400 accessi ciascuno. 
  • Gli europei sono stati anche l’occasione per inaugurare due profili Instagram quello di RaiSport e quello di Rai1 che dal 10 giugno ha superato i 20 mila follower. 
Leadership tecnologica                                                                                    
In occasione di Euro2016, in collaborazione con RaiWay ed Eutelsat, Rai ha trasmesso in diretta sette partite in formato Tv 4k/Ultra Hd attraverso la piattaforma satellitare gratuita Tivùsat.
Le dirette 4K da satellite hanno riguardato l’intera fase finale di Euro 2016: si è cominciato il 30 giugno alle ore 21 con il primo match dei quarti di finale; a seguire, l’1, il 2 e il 3 luglio, gli altri tre incontri dei quarti; il 6 e il 7 luglio è stata la volta delle due partite delle semifinali e ieri la finale.
L’iniziativa s’iscrive nella strategia di Rai per l’incremento della qualità video che certifica la leadership tecnologica del servizio pubblico e che consentirà di offrire nel prossimo agosto tutta la programmazione olimpica in Hd.