Agorà

Agorà 14/10/10

  • Durata:01:44:52
  • Andato in onda:14/10/2010
  • Visualizzazioni:

Comandi da tastiera per il lettore multimediale

  • [Shift + P] Play / Pausa
  • [Shift + S] Stop
  • [Shift + F] Fullscreen
  • [Shift + C] Sottotitoli (se presenti)
  • [Shift + M] Mute
  • [Shift + Freccia Su] Alza il volume
  • [Shift + Freccia Giù] Abbassa il volume
  • [Shift + Freccia Destra] Avanti veloce
  • [Shift + Freccia Sinistra] Indietro veloce

L’etica in politica è un obbligo, un optional o un contrasto tra ciò che dovrebbe essere e ciò che è? Ne discutiamo con il sottosegretario al Ministero dell’Interno Alfredo Mantovano, l’europarlamentare dell’Idv Luigi De Magistris, il deputato di Fli Fabio Granata, la deputata del Pd Pina Picierno, e il direttore de “Il Giornale” Alessandro Sallusti. Nella seconda parte di Agorà l’approfondimento è dedicato a Pompei. Una città sepolta dalle polemiche? Il reportage di Agorà per capire, con ospiti in studio Vittorio Sgarbi e il giornalista Luigi Necco, in quali condizioni si trova il sito archeologico campano. Livio Berruti è invece il protagonista del faccia a faccia di questa puntata che ricorda così il 14 ottobre del 1980 quando 40 mila colletti bianchi della Fiat scesero in piazza per manifestare contro l’occupazione degli operai : “Ho partecipato alla marcia dei 40 mila e quella è stata l’unica volta che ho marciato, anziché correre”. Una manifestazione di massa passata alla storia come “la marcia dei 40 mila” e che rappresentò un punto di rottura nella storia delle lotte sindacali in Italia. Quel giorno, tra i 40 mila c’era anche Livio Berruti, il campione olimpico medaglia d’oro per i 200 metri piani alle Olimpiadi del 1960, che ai tempi però di quella protesta lavorava alle relazioni esterne della Fiat.

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati