Raffaele Genah

Corrispondente-responsabile dell'Ufficio di Gerusalemme per i servizi giornalistici radiofonici e televisivi dal Medio Oriente, con esclusione della Siria e dell'Iraq

Ruolo e responsabilità

Corrispondente-responsabile dell'Ufficio di Gerusalemme per i servizi giornalistici radiofonici e televisivi dal Medio Oriente, con esclusione della Siria e dell'Iraq

Compensi (€ lordi anno)

Retribuzione effettivamente percepita – anno 2019

201.981

Di cui:

Retribuzione fissa

191.156

Retribuzione accessoria

0

Retribuzione variabile

10.825

Esperienza

Nato in Libia nel 1954, laureato in Scienze Politiche presso l'Università «Sapienza» di Roma, è assunto in RAI nel 1988 in qualità di redattore presso il Tg2 dove, nel febbraio 1990, nell'ambito della redazione "Cronache" viene promosso Capo Servizio. Nel 1991 è nominato responsabile della redazione "Cronache", con il riconoscimento della qualifica di Capo Redattore. In questi anni cura la trasmissione "Lezioni di Mafia" (Rai2), ideata da Giovanni Falcone e Alberto la Volpe, che riceve grande attenzione anche a livello internazionale. Nel 1995 viene assegnato alle dirette dipendenze del Direttore del Tg2 e successivamente, nell'aprile dello stesso anno, viene assegnato alle dirette dipendenze del Direttore del Tg1. In questo periodo è tra i protagonisti del rilancio e curatore del prestigioso rotocalco TV7. Nel 1997 viene nominato responsabile della supervisione e dell'integrazione dei servizi di Cronaca e Società del Tg1 e gli viene riconosciuta la qualifica di Capo Redattore Centrale. Nel 2000 viene nominato Vice Direttore del Tg1. Nel 2002 viene nuovamente assegnato alle dirette dipendenze del Direttore del Tg1 con compiti di conduttore e l'incarico di realizzare servizi ed inchieste da destinare ai notiziari e agli speciali della Testata. Nel novembre 2006 gli vengono affidate nuovamente le funzioni di Vice Direttore del Tg1 e successivamente prorogate fino al 2009, quando viene assegnato alle dirette dipendenze del Direttore della Testata. Tra il 2013 e il 2018 assume nuovamente le funzioni di Vice Direttore del Tg1. Per oltre dieci anni è stato il responsabile di tutte le dirette istituzionali, nazionali ed estere, curate dal Tg1. Autore assieme a Valter Vecellio del saggio "Storie di ordinaria ingiustizia" (ed. Sugarco, 1987, prefazione di Leonardo Sciascia), ha inoltre collaborato con la facoltà di Scienze della comunicazione dell'università "Sapienza" di Roma. Nel 2019 gli viene affidato l'incarico di corrispondente-responsabile dell'ufficio di Gerusalemme per i servizi giornalistici radiofonici e televisivi dal Medio Oriente, con esclusione della Siria e dell'Iraq.