Gradimento della programmazione

Sintesi Qualitel

La ricerca “Qualitel” è volta a misurare il gradimento della nostra offerta sulle piattaforme distributive tv, web e radio, nonché l’apprezzamento della nostra offerta televisiva dedicata ai minori.
La rilevazione per l’anno 2017 ha visto l’introduzione di significative modifiche migliorative all’impianto di rilevazione, volte all’arricchimento delle informazioni prodotte dalla ricerca Qualitel.
Per quanto riguarda la programmazione televisiva i dati si riferiscono al primo semestre 2017. 
Le rilevazioni sulle altre piattaforme (web e radio) e il focus sull'offerta tv per i minori, effettuate con la stessa metodologia di rilevazione adottata per la tv, saranno disponibili alla fine dell’anno.
In considerazione di tali rilevanti implementazioni, sinteticamente descritte nel seguito, il confronto con le rilevazioni precedenti può essere effettuato solo a titolo indicativo. 

 

La nuova metodologia di indagine della qualità percepita dell’offerta RAI


Nel quadro del processo di continuo miglioramento delle metodologie di indagine, le implementazioni che hanno consentito l’arricchimento delle informazioni prodotte dalla ricerca Qualitel e che permettono di ottenere dati più robusti, affidabili e tempestivi, riguardano: il campione, la metodologia di intervista e le tempistiche di restituzione dei risultati.
Per quanto riguarda il campione, è stato costruito un panel rappresentativo dell’intera popolazione residente in Italia maggiore di 14 anni, costituito da 12.000 individui che già aderiscono all’indagine Gfk-Sinottica TSSP, a cui si aggiunge un panel di ulteriori 5.000 individui esclusivamente dedicato a Rai che è in fase di reclutamento. Tale panel, di 17.000 individui nel complesso, viene intervistato quotidianamente e in modo continuativo su tutta la programmazione trasmessa dai canali televisivi generalisti e semigeneralisti di Rai e dei competitor; a questi si aggiungono ulteriori 1.700 individui di età compresa tra i 4 e 13 anni che partecipano alla rilevazione annuale effettuata da Rai sulla programmazione dedicata ai minori.
Per quanto riguarda la metodologia di intervista, i questionari vengono somministrati attraverso strumenti telematici (tablet personalizzati per l’indagine) agli individui che, rilevati tramite una tecnologia soundcapturing e soundmatching che opera attraverso meter proprietari, risultano essere stati effettivamente esposti ai programmi in esame per almeno 5 minuti consecutivi. La rilevazione tramite questionari autocompilati permette di raccogliere valutazioni tendenzialmente sincere, annullando «l’effetto cortesia» che spesso intercorre tra intervistato e intervistatore nelle interviste personali CAPI, metodologia adottata nelle rilevazioni effettuate da Rai fino al 2016. 
La somministrazione dei questionari avviene il giorno dopo la trasmissione del programma, consentendo di ottenere dei giudizi basati su un ricordo ancora fresco e di avere, per i programmi con audience più elevata - come quelli di prima serata, risultati già dopo 72 ore dalla messa in onda. In base ai livelli di audience si ottengono quindi dati con frequenze giornaliere, settimanali e mensili.

 
 
Qualità dell’offerta TV
I Semestre 2017
 
L’indice di gradimento medio della programmazione televisiva generalista e semigeneralista Rai (base: 45.504 interviste), valutato su una scala da 1 a 10, è pari a 7,4, giudizio decisamente positivo, con i singoli canali che mostrano punteggi che poco si discostano dalla media. Tra le tre reti generaliste, Rai 1 evidenzia il gradimento più alto, facendo registrare un punteggio pari a 7,5. A seguire Rai 2 (7,3) e Rai 3 (7,3), mentre Rai4 mostra un punteggio allineato alla media Rai (7,4).
  • Tutti i generi dell’offerta generalista raggiungono buoni livelli di gradimento all’interno di un intervallo compreso tra l’8,1 della Fiction di produzione e il 7,0 delle News. Oltre alla Fiction di produzione, risultano particolarmente apprezzati i generi Cultura (7,7), le Serie TV di acquisto (7,7) e l’Intrattenimento (7,5); tutti con un punteggio sopra la media. Questo elemento suggerisce come il gradimento del pubblico riesca ad essere elevato nonostante l’ampiezza e la differenziazione dell’offerta che risulta gradita nelle sue singole parti e nel complesso della programmazione. 
  • Per il genere Fiction di produzione, che registra un gradimento notevolmente superiore al punteggio fatto registrare dall’offerta Rai nel suo complesso (8,1, +0,7 p.p.), l’analisi per canale evidenzia per Rai 1 un indice di gradimento leggermente superiore alla media di genere (8,2), con un’offerta di fiction quantitativamente superiore a quella delle  altre reti, con in testa, tra i titoli più apprezzati, Maltese il romanzo del commissario, Il Commissario Montalbano, Di padre in figlia. Ottimo l’apprezzamento per Un Posto al sole, che porta Rai 3 ad un voto molto buono (8,3, +0,2 p.p. rispetto al totale di genere). Le fiction di Rai 2, nonostante ottengano valori positivi in assoluto, mostrano un posizionamento complessivamente più targettizzato, con un punteggio complessivo inferiore alla media di genere (7,4 -0,7 p.p.), con Salvo D’Acquisto che ottiene un punteggio superiore alla media del canale. 
  • Il gradimento del genere News, seppur positivo, risulta il più basso tra quelli analizzati (7,0, -0,4 rispetto al totale offerta). L’analisi del genere per canale evidenzia un gradimento leggermente inferiore per i TG in onda su Rai3 (6,9, -0,1 p.p. rispetto alla media di genere), in particolare per il TGR (6,5). Anche le News trasmesse su Rai 2 evidenziano un punteggio di poco al di sotto della media di genere (6,8, -0,2 p.p.) con il TG2 allineato al gradimento medio (6,8) e il TG Sport al di sotto della media del canale (6,6). Il TG1 evidenzia invece un gradimento sopra media (7,3, +0,3 p.p.). 
  • L’Intrattenimento e, soprattutto, le Serie Tv, costituiscono i generi su cui si basa l’offerta semigeneralista di Rai4, entrambi con giudizi positivi da parte dei telespettatori, in particolare per le Serie Tv che sfiorano l’eccellenza (7,9).
Riferendosi ad oltre 12.000 ore di programmazione semestrale su 4 canali, si tratta quindi di risultati complessivamente molto positivi, che motivano ancor di più Rai a rafforzare la produzione e la veicolazione di contenuti in linea con le aspettative dell’audience e del proprio mandato di servizio pubblico.


Qualità dell’offerta online
 
Sulla base della ricerca quantitativa svolta nell’autunno 2016 (ultima edizione completata), l’offerta online proposta da Rai ottiene complessivamente un buon giudizio di qualità in relazione sia ai portali (RaiPlay, RaiRadio, RaiNews, RaiSport) sia alle App. 
  • Il giudizio più elevato è registrato dal portale RaiRadio (7,4), grazie alla possibilità di ascoltare la diretta, riascoltare o scaricare i programmi già andati in onda. RaiRadio è considerato un portale accessibile, intuitivo, con una buona velocità di navigazione e user-friendly per la sua facilità di navigazione. 
  • Nel settembre 2016 Rai.tv è stato sostituito dal nuovo portale RaiPlay che permette di vedere o rivedere programmi e parti di programmi trasmessi dalla Rai. Nonostante la rilevazione sia stata condotta a ridosso del lancio del nuovo sito RaiPlay, oltre ad essere il più visitato tra i portali Rai, ottiene un gradimento elevato rispetto all’esperienza di utilizzo (7,3), soprattutto per merito della sua accessibilità, dell’intuitività dei menù, della qualità dei filmati e della vocazione social, che permette di condividere i contenuti con i principali social network. 
  • RaiNews, il portale dell’informazione online Rai, raggiunge un gradimento pari a 7,3 e primeggia, rispetto agli altri siti Rai, in termini di chiarezza espositiva, completezza informativa, leggibilità del sito, qualità dei filmati e funzionalità di ricerca dei contenuti.
  • RaiSport ottiene un giudizio pari a 7,0 in virtù della possibilità di avere notizie aggiornate su tutti gli sport, vedere la diretta di Rai Sport e avere gli aggiornamenti dei risultati in tempo reale.
Il campione intervistato ha dichiarato che, nell’anno considerato, ha effettuato l’accesso e la navigazione ai servizi Rai utilizzando in misura maggiore come device il pc e come modalità di accesso un browser.
Tra le applicazioni Rai, l’App di Rainews è la più apprezzata con 7,7. Ottengono buoni giudizi anche le App di Radiorai (7,3) e Rai Play (7,2).

Qualità dell’offerta radio
 
Sulla base della ricerca qualitativa svolta nell’autunno 2016 (ultima edizione completata), l’offerta di RadioRai ottiene un buon apprezzamento e viene percepita in linea con la missione di servizio pubblico da parte di intervistati che si dichiarano conoscitori e fruitori dei canali RadioRai. 
Ciascuna delle emittenti Rai ha un pubblico di riferimento che apprezza, in termini qualitativi, un’offerta che dà spazio all’informazione e all’approfondimento, presenta opinioni diversificate, cura l’attendibilità delle notizie, garantisce un elevato standard professionale e punta alla maturazione culturale del pubblico. 
Gli ascoltatori riconoscono dunque a RadioRai caratteristiche di affidabilità e autorevolezza,  un profilo qualitativo alto e capacità di “rendere un servizio”.
In questo panorama, le singole emittenti hanno un’immagine piuttosto differenziata. 
  • Radio1 è percepita come una rete all’insegna della specializzazione nell’attualità, nell’approfondimento giornalistico e nell’offerta sportiva. Il linguaggio adeguato ai temi, comprensibile e accessibile a tutti, la buona possibilità di interazione, la partecipazione e coinvolgimento per gli ascoltatori e la  qualità dei suoi contenuti informativi, sono dimensioni in cui Radio1 eccelle e che ne determinano l’alto gradimento complessivo.
  • Radio2 spicca per l’offerta completa e ben bilanciata, l’orientamento all’innovazione, lo spirito giovanile, la professionalità dei conduttori, la loro “riconoscibilità”e la loro capacità di creare “complicità” con il pubblico, un buon mix fra informazione e intrattenimento, fra musica e parlato. È  percepita come la più innovativa e amichevole delle reti di Radio Rai, in grado di sviluppare una relazione piuttosto stretta e affettiva con il proprio pubblico. Grazie a queste caratteristiche viene vissuta come la rete pubblica che ha saputo cogliere meglio la sfida dell’innovazione, riuscendo a intrattenere sia affrontando temi leggeri, sia trattando in modo leggero anche temi impegnativi o complessi.
  • Radio3 è la radio della cultura, della ricerca dell’eccellenza nei contenuti culturali ed ha il vantaggio di un posizionamento unico e fortemente distintivo, raggiungendo per questo un gradimento elevato soprattutto tra il pubblico più impegnato. Grazie all’elevato livello qualitativo della sua programmazione gli ascoltatori riconoscono alla rete la capacità di svolgere appieno la sua funzione di “servizio pubblico”.
  • Isoradio viene percepita come una radio “di assistenza e servizio”, utile e autorevole nel fornire informazioni “a tutto campo” sul traffico in tempo reale. La sua è una presenza mediatica amichevole e rassicurante, che opera come una sorta di “faro”, con una missione chiara ma sempre più “insidiata” dalla concorrenza dei nuovi device, che consentono di ricevere notizie sul traffico in tempo reale attraverso il satellite. 
 
 
Qualità dell’offerta TV per i minori
 
Sulla base della ricerca qualitativa svolta nell’autunno 2016 (ultima edizione completata), l’offerta televisiva di Rai per i minori registra un ottimo giudizio di qualità percepita e un’indicazione di perdurante superiorità rispetto ai concorrenti. Rai è apprezzata perché rassicura e diverte: la sua offerta è “psicologicamente protetta”, consentendo ai genitori una piena tranquillità quando i loro figli sono davanti alla televisione. L’offerta Rai per i minori è poi apprezzata anche da bambini e ragazzi perché, sui suoi due canali dedicati, sono presenti diversi specifici programmi dal gradimento elevato sui relativi target:
  • Rai Yoyo propone un’offerta mirata e centrata, rispondendo efficacemente a bisogni precisi dell’età prescolare, coniugando educational e intrattenimento in un mood rispettoso dell’infanzia e della crescita naturale dei bambini. Il lato interattivo, inoltre, permette anche ai genitori di intervenire per integrare e rinforzare i contenuti educativi espressi; 
  • Rai Gulp si rivolge ad un pubblico le cui identità, i gusti, le abitudini, la socialità e i bisogni si vanno via via ampliando e specificando. La sua offerta, benché proponga programmi molto amati, necessita di una costante rivisitazione per essere in linea con le esigenze sfaccettate di un pubblico così complesso e articolato. 

 
 
 
NOTA METODOLOGICA
Fino al 2016 la misurazione del gradimento dell’offerta televisiva è avvenuta attraverso la realizzazione di 7.000 interviste personali a domicilio (CAPI) per semestre su un campione rappresentativo della popolazione 14+ residente in Italia che dichiarava di guardare la tv almeno due volte la settimana.
A partire dal 2017 la rilevazione del gradimento dell’offerta televisiva viene condotta tramite Dialogatore GfK (tablet personalizzato per l’indagine) con modalità di risposta autocompilata su un Panel di 12.000 individui rappresentativo dell’intera popolazione residente in Italia 14+. Un panel ad hoc di ulteriori 5.000 individui, appositamente reclutati per Rai, è in fase di attivazione. Appositi dispositivi hardware e software in dotazione ai panelisti hanno consentito di rilevare, tramite tecnologia soundcapturing e soundmatching, gli individui effettivamente esposti al programma in esame e di intervistarli direttamente. La rilevazione, di tipo quantitativo, prevede l’elaborazione di indicatori sintetici calcolati tramite sofisticati sistemi statistici. 
La rilevazione del gradimento dell’offerta online è stata effettuata, nel 2016, attraverso 4.000 interviste personali via web (CAWI) svolte nel secondo semestre dell’anno su un campione rappresentativo della popolazione italiana utente di internet e conoscitrice dell’offerta Rai erogata via web.
Il gradimento dell’offerta radiofonica e di quella televisiva per minori è stato rilevato, nel 2016, tramite indagini di tipo qualitativo, attraverso una serie di focus group distribuiti sul territorio italiano.

Download