L'Ariston consacra gli 'AmaRello'

09 febbraio 2020 ore 03:10

Hanno vinto loro: i due amici, assoluti protagonisti del 70° Festival della Canzone Italiana, hanno letteralmente conquistato il pubblico di Sanremo 2020.
Stiamo parlando di Amadeus, direttore artistico e conduttore del 70° Festival, e di Fiorello, ospite fisso di questa edizione. 

Durante la serata finale, lo showman siciliano invita il pubblico dell'Ariston a tributare un applauso ad Amadeus, «lo merita, veramente» dice, e sul viso del direttore artistico e conduttore è evidente l'emozione per questo tributo.
Poi chiede la standing ovation per Amadeus e l'Ariston si alza in piedi.
È il momento di chiamare Amadeus sul palco, ricordando che aveva promesso che se avesse fatto buoni ascolti «avrebbe messo il parruccone biondo di Maria De Filippi». E così è: il conduttore scende le scale con parrucca platino. «Sembri Montezemolo biondo», lo prende in giro Fiorello.
La gag termina con la formazione di un nuovo 'duo', gli AmaRello (crasi di Amadeus con Fiorello), che interpreta "Un mondo d'amore" di Gianni Morandi.






Poi Fiorello, re dell'improvvisazione, fa il verso ai trapper improvvisando un freestyle con l'autotune.
Il pubblico è tutto in piedi per lui: la prima standing ovation all'Ariston per Fiorello. Il conduttore lo ringrazia: «il mio amico da 35 anni, colui che ha illuminato il festival, Rosario Fiorello - dice Amadeus - . È stato bello, amico mio». «Bello, bello, bello», gli risponde di  rimando Fiorello. A suggellare il momento i due ballano un lento abbracciati. 



Altre news