La reunion dei Ricchi e Poveri conquista il pubblico dell'Ariston

05 febbraio 2020 ore 01:45

Grande emozione durante la seconda serata del 70° Festival della Canzone Italiana di Sanremo: e stavolta non è solo il pubblico a viverla, ma anche il conduttore e direttore artistico di Sanremo 2020 che esclama: «Questo è un sogno!». 
Con queste parole Amadeus introduce la reunion dei Ricchi e Poveri, che cantano sul palco dell'Ariston per la prima volta tutti e quattro insieme dal 1981, quando Marina Occhiena lasciò il gruppo.

È standing ovation sulle note dei loro grandi successi da "L'ultimo amore" a "La Prima cosa bella" a "Che sarà". Su quest'ultima canzone è intervenuto anche Fiorello che ha voluto bissare per cantare con loro: «grazie per avermi dato questo onore».


La formazione originale dei Ricchi e Poveri riparte da Sanremo. Angela Brambati, Franco Gatti, Marina Occhiena, Angelo Sotgiu, si sono riuniti, dopo quasi 40 anni, e sulle note di "Se m'innamoro", "Sarà perché ti amo", "Mamma Maria", tutti in teatro si sono alzati in piedi a cantare, ballare e battere le mani, con l'Ariston che si è trasformato in una grande discoteca. «Da ora in poi i Ricchi e Poveri non si lasceranno più», ha esclamato tra l'entusiasmo generale Amadeus.



Il gruppo è stato anche insignito del premio Città di Sanremo.

Altre news