Con Luciano Ligabue "si accende lo spettacolo" al Festival di Sanremo 2019

09 febbraio 2019 ore 01:45

“Luci d’America” illuminano il palcoscenico dell’Ariston e il Festival di Sanremo si tinge di rock: è Ligabue l’ospite d’eccezione dela quarta serata della 69esima esdizione del Festival della Canzone Italiana!
L’’imperatore del rock’ infiamma letteralmente il pubblico del Teatro che lo acclama, 'Liga, Liga'!, e balla con lui prima sulle note del nuovo singolo che anticipa l'album “Start”, in uscita l'8 marzo e poi su quelle di "Urlando contro il cielo", brano che racconta di un fatto realmente accaduto all'artista. Un giorno, fermatosi in mezzo ad un campo isolato, ha iniziato spontaneamente ad "urlare contro il cielo" per dare sfogo e scaricare tutta la sua tensione interiore.

Luciano Ligabue canta "Luci d'America" >>

Luciano Ligabue canta la sua "Urlando contro il cielo" >>

Dopo le performance, l'artista, insieme a Claudio Baglioni, ha omaggiato un grande della musica italiana, Francesco Guccini, con il celebre brano “Dio è morto”. Una curiosità: Ligabue aveva diretto il cantautore bolognese in 'Radiofreccia', del 1998, scritto e diretto dallo stesso rocker emiliano. Guccini aveva interpretato il ruolo del barista Mario, personaggio ricorrente nelle canzoni di Liga.


Rivedi l'esibizione:




Non è mancato anche un fuori programma all’arrivo di Ligabue sul palco dell'Ariston, dove il rocker ha reso omaggio al grande Freddy Mercury con uno dei suoi più grandi successi, "We will rock you". Luciano Ligabue non ha certo bisogno di presentazioni, e infatti nessuno annuncia il suo arrivo sul palco dell'Ariston come super ospite del Festival di Sanremo. Poi, però, il rocker chiede a Claudio Bisio di poter fare la sua entrata trionfale: «Questo è il secondo Sanremo che faccio in 30 anni. Mi fai scendere le scale?». Ne fa ben tre… Prima l'ingresso dalle quinte, poi dalla scala, poi dalla scala con una chitarra gigante, infine Liga rientra in scena con un mantello rosso bordato di bianco, seduto su un trono, salutando il pubblico con la mano come un re.       

Altre news