Un albero genealogico che è un canto meticcio, quello di Thomas O. Fadimiluyi - in arte ​Fadi​ -, italo-nigeriano della riviera romagnola. 
Il padre, originario dell'etnia Yoruba, arriva in Italia nei primissimi anni '80 per imparare l'arte del design di automobili e per coltivare la sua passione verso i motori. Mette su famiglia e inizia a gestire insieme alla moglie un alberghetto a ​Riccione​, in cui crescono ​Fadi​ e i suoi fratelli fra un "Ciao ciao mare" e una "Romagna mia".
Nella tratta casa - scuola e nell'autoradio del padre suonano le canzoni di ​Marley, Ray Charles, Fela Kuti. In quella della madre i grandi cantautori italiani: ​Battisti, Dalla. Due mondi che in Fadi trovano una sintesi perfetta: come mettere insieme ​Michael Kiwanuka, Celentano e Chuck Berry​, una miscela potenzialmente pericolosissima che per il giovane artista si traduce semplicemente in attitudine soul.
Arriva l'adolescenza, il grunge, i ​Fugazi, i Pearl Jam, gli ​Afterhours​, il gusto per la chitarra elettrica, l'​indie romagnolo e le sonorità dei​ Cosmetic​, il nuovo cantautorato e ​Brunori Sas​, le discoteche sulla riviera, i motori: una passione ereditaria ​per l'assemblaggio e lo sporcarsi le mani da un lato e dall'altro una riflessione sul concetto della velocità, sulla sua potenza e i suoi limiti.
La timbrica vocale di Thomas è profonda, il colore inconfondibile.
Fadi non ha paura di misurarsi con la forma canzone all'italiana, con il cantautorato migliore che l'Italia abbia prodotto nei decenni passati e nei duemila, conservando un gusto tutto anni '90 verso alcune sonorità elettriche, nel suono senza fronzoli.
A giugno 2018 esce il suo singolo d'esordio "​Cardine"
, accolto positivamente da pubblico e critica​: un brano che ti rimane in testa subito dopo il primo ascolto, con una scrittura immediata e di grande impatto emozionale, primo estratto del lavoro sulla lunga distanza che vedrà la luce nell'autunno 2019. 
Il 26 ottobre è uscito il suo secondo singolo "​Se ne va​". Una canzone che non gioca sui risultati ma sulla sensazione. È un invito a vivere pienamente le relazioni, senza mezza misure, a prescindere dal finale. Godersi appieno il percorso, i fraintendimenti, le liti, il 'fare a botte', le persone che non si riescono a trattenere.
Fadi torna a farsi ascoltare il 28 giugno, con il suo terzo singolo ​"Canzone Leggera" dopo essersi cimentato con un gigante della musica italiana, Fabrizio de Andrè, portando una nuova luce a ​"Rimini"
, brano reinterpretato da Thomas nel progetto discografico "Faber Nostrum". "Canzone leggera" è un brano che prova ad esorcizzare la paura: una in particolare, che è quella di sentirsi costantemente 'sbagliati', imperfetti, inadeguati. Ha una anima 'blues' per l'intenzione del brano, la cui produzione artistica è affidata ad ​Antonio Filippelli​, che è una catarsi, un canto liberatorio per volersi più bene. Accettare la perdita, la diversità, l'impotenza come un'occasione. Sentirsi 'difettosi' e quindi incompiuti non come una mancanza, ma come una necessità. La consapevolezza, tutta da acquisire, che nei luoghi e nelle persone 'fuori rotta', ci siano i viaggi più incredibili da poter fare. È una ballata intensa, poetica, malinconica. È un pezzo di Riviera, di tramonti, di parole da urlare mentre si passeggia sul mare.
Al momento Fadi sta girando l'Italia portando le anticipazioni del suo album di debutto, un mix meticcio tra l'Africa e il nuovo cantautorato.