Rifiuti e corruzione, arresti in Sicilia

19 luglio 2019 ore 12:57
Il tribunale di Palermo ha condannato in primo grado a sei anni Domenico Proto, il re dei rifiuti titolare della Oikos, la società che gestiva la discarica di Motta Sant'Anastasia nel catanese, a quattro anni Domenico Antonioli, ex amministratore della Tirrenoambiente Spa (oggi in liquidazione) che gestiva la discarica di Mazzarra' Sant'Andrea nel messinese, e a nove anni Gianfranco Cannova, funzionario della Regione Sicilia, accusato di avere ricevuto mazzette e favori al fine di garantire una corsia preferenziale nel rilascio dei provvedimenti autorizzativi relativi alle discariche. Un sistema complesso che Report ha raccontato nell’inchiesta “Girano le ecoballe” di Claudia Di Pasquale, andata in onda il 26/03/2018.

Altre news