Collaborazione di Alessia Marzi e Silvia Scognamiglio

Da qualche anno, al fianco dei tradizionali studi professionali dei dentisti, sono cominciate a spuntare ovunque cliniche odontoiatriche appartenenti a piccole e grandi catene. Parliamo di circa l’8% del mercato, che secondo gli osservatori potrebbe diventare il 20% nell’arco di pochi anni. Più o meno come in Spagna, dove l’odontoiatria organizzata ha una tradizione molto più lunga e solida, e dove l’anno scorso è esploso il caso iDental, una catena che ha chiuso i battenti dalla sera alla mattina lasciando migliaia di pazienti sdentati in mezzo a una strada. Succederà anche da noi?



RETTIFICA DEL 11/12/2018
Ci scrive Sestino Giacomoni: "Nel servizio si dice che il sottoscritto sarebbe cugino di Simone Giacomoni,  entrato nel business dei dentisti low cost. Non c'è un rappotto di parentela diretta, né di consuetudine, ma semplicemente le nostre famiglie d'origine provengono dallo stesso paese d'origine