L'ultima, spaventosa giornata in Messico

L'ultima, spaventosa giornata in Messico

Nell’ultimo giorno di gara in Messico, le quattro coppie finaliste hanno dovuto tirare fuori i muscoli e superare le loro paure più recondite: dapprima la faticosa remata in barca fra i canali di Xochimilco, che ha visto i #Contribuenti dover far fronte al problema dei remi dispersi e Lory e Marco in una difficile gestione della navigazione, poi l’agguerrita battaglia con i luchadores di Parque de los Venados, che ha visto tutti i finalisti scontrarsi in una gara di wrestling alla disperata ricerca del numero - stampato sotto alla scarpa del temibile avversario - che avrebbe risolto una complicata equazione matematica e che ha visto una Tina infoiata dallo scontro a suo avviso un po’ impari e dai modi troppo aggressivi della sua avversaria. Tutto questo li ha solo preparati a ciò che li ha attesi dopo, la famosa e temutissima prova dei 7 morsi: ciascun membro della coppia, in modo alterno, ha dovuto inserire la mano in una teca con una sola fessura, ignorandone quindi il contenuto, per pescare una serie di tessere che, unite, avrebbero composto il numero di telefono del nostro Costantino, per ricevere le istruzioni su come proseguire il cammino per la finale. #Contribuenti, #Socialisti, #Innamorati e #Spostati se la sono vista quindi con topi, serpenti, pesci, camaleonti, spaghetti (che ovviamente, visto il contesto, sono passati per vermi) e teste di ex-vincitori, ovvero Pinna e Roberto, protagonisti di Pechino Addicted, che si sono prestati a giocare con i viaggiatori di questa edizione per ostacolare il loro percorso e difendere il loro titolo. Superate le loro paure, i finalisti hanno ripreso a fare ciò che meglio gli è riuscito negli ultimi due mesi: cercare un passaggio in autostop verso il museo Soumaya, traguardo finale di giornata, dove l’ultima coppia arrivata al traguardo dovrà lasciare il gioco.

Altre news