Gli #Innamorati

Lory e Marco

Loredana “Lory” Del Santo ha esordito nel mondo dello spettacolo appena diciassettenne nel 1975, è diventata una vera icona della tv italiana negli Anni 80 e ha saputo conquistare anche le ultime generazioni grazie alla regia della web serie di culto The Lady. Sogna di “essere rapita da un principe indiano con il volto coperto e gli occhi truccati”, ma dovrà “accontentarsi” del suo Marco, giovane aspirante attore napoletano.

2

Marco

Qual è il viaggio più estremo che hai fatto? Ho fatto un viaggio in Svezia con tre amici per vedere una partita del Napoli. Quando sono arrivato in aeroporto mi hanno detto di non andare in hotel perché l’avevano devastato, quindi ho deciso di dormire in aeroporto. Ci sono rimasto tre giorni, mi sono spostato solo per vedere la partita.
Sei una persona competitiva? Mi piace vincere. Se c'è qualcosa che non so fare ma si tratta di una competizione, devo vincere. Ci metto tutta la mia energia, ma non baro!
Hai qualche paura o fobia? Ho un po' paura degli insetti, ma in generale non ho fobie.
Quante lingue parli? Da quando ho conosciuto Lory mi sono impegnato a imparare l’inglese, che conosco a livello scolastico, e lo spagnolo.
Pregi e difetti della tua compagna di viaggio? Lory è una persona molto sveglia, che non si arrende mai. Ha uno spirito di competizione molto alto, difficilmente abbandona. Quando ci sarà da chiedere un posto per dormire, non ce la vedo e penso che lo farà fare a me. Però lei è una grande organizzatrice. Se ci sarà da portare pesi o cose del genere, lo farò io; se ci saranno prove di abilità, le farò io. Lei è molto più brava di me in tutto, è molto più tattica. Lei è la mente.
Avete già fatto un viaggio insieme? Sì, a Miami. Siamo sempre insieme.
Punti di forza e di debolezza della tua compagna di viaggio e della vostra coppia? Secondo me saremo molto più bravi a chiedere passaggi, perché io sono uno che si butta e le persone mi prendono in simpatia. Invece la vedo dura dal punto di vista atletico, però se ci impegniamo…
Perché Pechino? Abbiamo deciso di farlo anche perché voglio dimostrare alla gente che anch’io posso cavarmela, che non sono lì per caso, che non sono un mantenuto e non sto con lei per questo. Questa è l’occasione di dimostrare che non sono uno scemo. E poi voglio vedere come si sta per tanto tempo senza telefono e Internet.