il giro d'italia

28-05-2017 00:00

Quintana: 'Non stavo bene'

il giro d'italia

28-05-2017 00:00


Quintana: 'Non stavo bene'

Comunque soddisfatto il colombiano: 'Ma il 2° posto è importante'



"Usciamo in crescendo e dopo aver fatto esperienza: abbiamo lavorato tanto senza raccogliere quanto speravamo, anche se il secondo posto e' importante".

Cosi', ai microfoni di Raisport, il colombiano Nairo Quintana, che dopo la crono di Milano chiude al secondo posto il Giro d'Italia del Centenario, vinto dall'olandese Dumoulin.

"Settanta chilometri a cronometro contro gli specialisti sono troppi - spiega il capitano della Movistar - Potevamo attaccare in montagna ma le forze erano queste, non si poteva fare di piu'. In alcune tappe di montagna avevo la febbre e non stavo bene, sarebbero forse stati i giorni giusti per attaccare Dumoulin, ma la cosa importante e' essere salito sul podio. Cos'e' per me il Giro? E' la piu' bella corsa che ho fatto, la amo molto, abbiamo provato a fare come Pantani, che mi ispira sempre, ma non ero al massimo".

Quintana da' appuntamento al Tour de France: "Ci andro' per vincere, come ho fatto qui. Abbiamo una grande squadra e daremo il cento per cento".