28/09/2020
13/12/2011

Firenze, uccisi
tre senegalesi
Suicida il killer

Mattinata di follia a Firenze. Tre senegalesi morti e tre feriti. Una vera e propria caccia all’immigrato messa in atto da Gianluca Casseri, 50 anni di Pistoia. In seguito l'uomo si è suicidato dopo essere stato intrappolato dalle forze dell'ordine

Mattinata di follia a Firenze. Tre senegalesi morti e tre feriti. Una vera e propria caccia all’immigrato messa in atto da Gianluca Casseri, 50 anni di Pistoia. Casseri è stato poi bloccato dalle forze dell’ordine in un parcheggio sotterraneo. Ne è scaturito un conflitto a fuoco nel quale l’uomo è rimasto ucciso. Al momento non è ancora chiaro se si sia suicidato o sia stato colpito.

Il primo episodio è avvenuto al mercato di piazza Dalmazia. Casseri, armato di una 357 magnum, ha colpito a morte due giovani lavoratori senegalesi ferendone un terzo che purtroppo è deceduto in ospedale in seguito alle ferite riportate. Panico e inseguimento tra i banchi del mercato. I tre senegalesi erano venditori ambulanti che frequentavano abitualmente la zona. "Ho sentito dei colpi, ma pensavo fossero dei petardi, quando mi sono girato ho visto tre uomini a terra nel sangue" afferma un testimone. E un altro: "Qui ci sono spesso ragazzi senegalesi che vendono le solite mercanzie, non danno fastidio a nessuno e nessuno si aspettava".
All’edicolante della piazza che ha cercato di fermarlo Casseri ha mostrato la pistola dicendo “fossi in te ci penserei”. Poi è fuggito a bordo di un auto bianca e si è diretto verso la zona di san Lorenzo, vicino al Duomo, dove ha nuovamente sparato ferendo un altro cittadino senegalese. Secondo le prime informazioni l’uomo sarebbe vicino ad ambienti di estrema destra ed era iscritto al circolo ‘Casa Pound’ di Pistoia.

Dolore e rabbia tra i cittadini senegalesi accorsi in piazza Dalmazia dopo aver appreso la notizia: “"Vergogna, non si può morire così. Razzisti", urlano. Poi hanno improvvisato un corteo diretto verso la Prefettura cittadina. Qualche tafferuglio con la polizia lungo il percorso. Poi, almeno temporaneamente, è tornata la calma quando uomini della Digos hanno informato i manifestanti che il killer era morto.


 

Clicky