27/11/2020
26/03/2013

Marò, Terzi: “Mi dimetto”
Di Paola: “Io invece no”

ROMA - Resa dei conti nel governo Monti. Il ministro degli Esteri lascia dopo l'informativa alla Camera: “Ero contrario al loro rientro in India”. Il collega alla Difesa Di Paola: “Sarebbe facile lasciare ma non lo farò”. Domani il premier uscente riferisce alla Camera

terziTerzi ha spiegato di aver espresso “serie riserve alla repentina decisione” di un nuovo trasferimento in India dei due fucilieri accusati dell'omicidio di due pescatori indiani, “maturata in manierapienamente collegiale”, in una riunione con i ministri di Giustizia, Difesa, Interni, Economia e Sviluppo economico. 

“La mia voce  rimasta in ascoltata, le riserve da me espresse non hanno prodotto alcun effetto”, ha sottolineato Terzi esprimendo vicinanza “in modo completo” a Salvatore Girone, Massimiliano Latorre e alle loro famiglie. “Ritengo oggi come ho ritenuto per 40 anni – ha concluso Terzi annunciando le proprie dimissioni - che vada salvaguardata l'onorabilità del nostro Paese, delle forze armate e della diplomazia italiana”.

“Non abbandonerò la nave in difficoltà fino al mio ultimo giorno di governo”, afferma poco dopo il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola secondo il quale le valutazioni espresse nell'informativa da Terzi, “non sono le valutazioni del governo”. Domani il premier Monti ha fatto sapere che sarà presente alla Camera per riferire sulla vicenda.