27/09/2020
03/02/2012

Gelo al Nord
Neve a Roma
Diretta Twitter
Le vostre Foto

Fiocchi di neve a Roma. Resta l'allerta meteo per la neve sulle regioni centrali tanto che Viabilità Italia ha invitato gli automobilisti a non mettersi in viaggio in queste zone. Al nord invece, dove ora non nevica più, le temperature sono polari

Grande freddo e neve sulla Capitale, dove i primi fiocchi sono caduti nella zona Nord. La protezione civile del Campidoglio ha fatto sapere che il deposito in terra ha raggiunto dai 3 ai 5 centimetri. Le zone interessate dalle nevicate sono: Cassia, Pietralata, Casilina, Tor Bella Monaca, Tor Vergata, Prenestina, Tiburtina, Cinecittà, Quadraro e da poco anche il centro storico.

Le aziende che gestiscono i trasporti hanno predisposto un piano di emergenza neve, le scuole rimangono aperte, ma senza lezioni oggi e domani. L'ordinanza del Campidoglio prevede che i prof, se non presenti, giustifichino l'assenza, mentre i ragazzi sono liberi di andare o meno. La decisione ha mandato in confusione molti genitori che non sanno se potranno o dovranno assentarsi dal lavoro per badare ai ragazzi. Lo ha detto il direttore del portale degli studenti italiani, Renato Reggiani, sul quale è stato aperto un forum.

La neve sta cadendo copiosa anche in pianura e a livello del mare in Lazio e Sardegna ma anche in Umbria, Abruzzo e Molise. La protezione civile prevede precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, anche di forte intensità, sulla Campania, in estensione ai settori tirrenici delle regioni meridionali e alla Sicilia. Venti forti o di burrasca su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lazio Centro-settentrionale e Sardegna.

A Napoli, a causa delle temperature rigide, dal 2 al 7 febbraio sarà possibile tenere accesi gli impianti termici ad uso riscaldamento per le abitazioni civili presenti sul territorio comunale, fino a un massimo di 15 ore. L'ordinanza è stata firmata dal sindaco, Luigi de Magistris.

Ma il gelo ha fatto anche un’altra vittima, questa volta a Milano dove un senza tetto è morto assiderato, in zona Kennedy.

Intanto, Ferrovie dello Stato è finita nella bufera per i disagi sulla circolazione dei treni nelle regioni del Centro-Nord. Il Piemonte non pagherà Trenitalia questa settimana, la Liguria ha denunciato il gruppo e la procura di Genova ha avviato un'indagine sui disservizi. Dure la critiche dalla regione Emilia-Romagna. Il gruppo ha fatto sapere oggi che tutte le linee ferroviarie sono aperte e la circolazione dei treni non mostra particolari criticità. I convogli circolano secondo quanto previsto dai piani neve, quindi con riduzione di velocità e limitazione del numero delle corse.

A Firenze e Bologna si sono registrati molti disservizi dal punto di vista della viabilità. Nel capoluogo toscano la circolazione ha risentito dell'ingresso dei tir, costretti ad uscire dall'autostrada. Traffico dei treni in tilt a Bologna mentre all'aeroporto Marconi è stato riaperto anche il traffico in arrivo, oltre a quello in partenza, ma soltanto nel tardo pomeriggio. Sono stati una decina i voli in partenza, ma oltre 40 quelli cancellati.