21/09/2020
06/06/2012

Scossa a Ravenna magnitudo 4.5
Non si registrano danni

RAVENNA - Ancora una scossa, ma questa volta si è spostata verso Est, epicentro al largo di Ravenna. Questa mattina, alle 6 e 08 gli abitanti della costa adriatica si sono svegliati di soprassalto con un sisma di 4.5 gradi. Non risultano danni a persone o cose

RAVENNA - Un dramma senza fine quello che si vive in Emilia Romagna. Ancora una scossa, che stavolta si è spostata verso Est, epicentro al largo di Ravenna. Questa mattina, alle 6 e 08 gli abitanti della costa adriatica si sono svegliati di soprassalto con un sisma di 4.5 gradi: ante degli armadi che si aprivano, lampadari che dondolavano, antifurti delle auto che hanno iniziato a suonare. 

La protezione civile ha già effettuato i primi sopralluoghi, da cui non risulterebbero al momento danni a persone o cose nella città di Ravenna. "In queste ore sono in corso controlli sugli edifici pubblici. Dalle prime verifiche non risulta ci siano stati danni particolari. Le scuole sono regolarmente aperte" ha detto il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci. "L'unica scuola in cui la dirigente ha chiesto un intervento di controllo è un liceo scientifico. Alle 13 in una riunione straordinaria della Giunta faremo il punto della situazione".

Secondo gli esperti questa scossa non sarebbe collegata all’attività sismica che dal 20 maggio non da tregua alle zone emiliane, in particolare nel modenese. Abbiamo sentito Gianluca Valensise, sismologo dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che ci ha detto che potrebbe trattarsi di un nuovo terremoto, diverso da quello che ha colpito le province di Modena e di Ferrara, ma è passato troppo poco tempo per avere un’idea più precisa. E’ probabile che si sia attivata una nuova faglia, molto profonda, e si spera che non si porti dietro una nuova ondata di tremori della terra.