30/11/2020
07/12/2012

Alfano: “Finita
esperienza Monti”

POLITICA - Il Governo in bilico. Il segretario del Pdl dopo il colloquio con il presidente Napolitano: “Vogliamo una conclusione ordinata della legislatura”. Al Quirinale anche Bersani, Casini e i presidenti delle Camere

alfL’esecutivo Monti traballa sotto i colpi di Berlusconi dopo lo strappo di giovedì del Pdl. “Consideriamo conclusa l'esperienza di questo governo. Questo non ha nulla a che fare con la persona di Monti, con il suo servire le istituzioni e con sua lealtà nelle forze politiche e con noi in particolare”, precisa in Aula alla Camera il segretario Angelino Alfano. “Ieri non abbiamo votato la sfiducia” al governo “perché avremmo causato l'abisso dell'esercizio provvisorio. Vogliamo concludere ordinatamente questa legislatura” senza strappi e senza “mandare le istituzioni e il Paese allo scatafascio”. 

E sull’accusa lanciate da Bersani e Casini di irresponsabilità, Alfano avverte che “questa parola non fa rima con cecità. Per responsabilità non abbiamo fatto cadere un governo che abbiamo appoggiato, una scelta che abbiamo pagato con un conto salato verso i nostri elettori”. “Siamo per l'Europa, ma questo non significa dire sempre di sì alla Germania. Siamo per le tasse, ma contro le violenze nell'esazione, crediamo siano troppo alte e che vadano diminuite al pari del debito pubblico e della spesa pubblica - precisa  il segretario che rivolto al Pd conclude -  non permetteremo che voi riscriviate la nostra storia”.

In mattinata Alfano era stato ricevuto dal presidente della Repubblica,  con i capigruppo di Camera e Senato Gasparri e Cicchitto.  Anche Bersani e Casini, verranno ricevuti in giornata al Quirinale. Delle mini-consultazioni. Il capo dello Stato sta in queste ore sentendo i leader della maggioranza che sostiene il governo per vedere se è possibile evitare o no la fine prematura della legislatura.