04/03/2021
31/12/2010

Morto un militare
in Afghanistan

Si chiude malissimo il 2010 per il contingente militare italiano impegnato in Aghanistan. Questa mattina nel distretto di Gulistan, nell’ovest del Paese, un nostro connazionale ha perso la vita forse colpito da un cecchino

Si chiude malissimo il 2010 per il contingente militare italiano impegnato in Aghanistan. Questa mattina nel distretto di Gulistan, nell’ovest del Paese, un nostro connazionale ha perso la vita. Non è ancora chiara la dinamica della tragedia. In un comunicato ufficiale dello Stato Maggiore della Difesa si legge che il militare italiano è rimasto ucciso “ a seguito di un colpo di arma da fuoco”, probabilmente un cecchino.
La valle del Gulistan è una delle zone più calde affidate al nostro contingente rappresentato in questo momento dai militari del 7/o reggimento Belluno.
Si tratta della stessa area dove avvenne l’imboscata del 4 ottobre nella quale persero la vita altri quattro soldati italiani.
Sale così a 13 il numero dei caduti in quello che verrà ricordato come l’anno più nero dall’inizio del dispiegamento italiano in Afghanistan nel 2004. Il numero delle vittime sale così a 35.
“Un altro lutto che arriva in un giorno che doveva essere di festa” ha detto il ministro della Difesa Ignazio La Russa che ha anche fornito alcune notizie in più sull’accaduto. “Il militare era di guardia a una torretta a sud della zona sotto controllo italiano, quando un colpo di fucile sparato da lontano da un cecchino lo ha colpito a un fianco, proprio in una parte del corpo non protetta. Oltre che una tragedia è stato un fatto di grande sfortuna che fa ancora più rabbia”.