28/09/2020
31/08/2009

Nuovi respingimenti
l'Ue chiede spiegazioni

Nuovi respingementi di immigrati in Africa. 75 migranti, tra loro 15 donne e 3 minori, intercettati stamattina a circa 24 miglia a sud di Capo Passero e condotti nel paese nordafricano. Soddisfazione del Premier e polemiche

Nuovi respingimenti di immigrati. Nel giorno in cui Silvio Berlusconi era a Tripoli per festeggiare l'amicizia col colonnello Gheddafi, 75 migranti, tra cui 15 donne e 3 minori sono stati intercettati al limite della acque territoriali italiani e trasbordati su un pattugliatore d’altura della Guardia di finanza per essere condotti nel paese nordafricano.
Ai 75 vanno aggiunti altri quattro migranti, tra i quali una donna e un neonato, che erano a bordo del gommone e sono stati soccorsi ieri sera dalle motovedette maltesi e trasferiti in ospedale alla Valletta.

SCORTATI DAI MALTESI SULLE NOSTRE ACQUE. E' la terza volta che la Marina maltese aggancia imbarcazioni cariche di migranti, e che rifornisce le persone a bordo di carburante, cibo e giubbotti di salvataggio prima di scortarli fino al confine con le nostre acque territoriali.

BERLUSCONI A TRIPOLI. Da Tripoli intanto arrivava la soddisfazione del Premier: "Serve rigore", ha detto Silvio Berlusconi, ribadendo che se l'Italia vuole essere terra di integrazione non può aprire le porte a chiunque. Nel primo anniversario del trattato di amicizia italo-libico il Cavaliere ha posato la prima pietra della nuova autostrada costiera. E intanto nel cielo libico volteggiavano le Frecce Tricolori, non senza polemiche dall'Italia.

POLEMICA POLITICA. Per il segretario del Pd Dario Franceschini "Silvio Berlusconi anzichè guardare la pattuglia acrobatica, farebbe bene a controllare come la Libia riceve gli immigrati". Per Felice Bellisario, esponente dell'Italia dei Valori "ancora una volta il premier è forte con i deboli e debole con i forti".
Per Laura Boldrini, portavoce in Italia dell’Unhcr, invece di arginare il fenomeno dell’immigrazione si penalizzano i richiedenti asilo, persone in fuga da guerre e persecuzioni che hanno diritto a ottenere protezione.

I NUMERI DEI RESPINGIMENTI. Oltre mille gli immigrati respinti dal 6 maggio - giorno del primo respingimento - fino a oggi. Secondo statistiche ministeriali, solo poco più di 700 extracomunitari sono sbarcati sulle coste siciliane contro gli oltre 13mila approdati nello stesso periodo dell'anno scorso.

 

L'UNIONE EUROPEA CHIEDE SPIEGAZIONI.  "La Commissione sottolinea che qualunque essere umano ha diritto di sottoporre una domanda che gli riconosca lo statuto di rifugiato o la protezione internazionale", ha affermato Dennis Abbott, portavoce dell'esecutivo comunitario. Inoltre Jacques Barrot ha scritto: "Il principio di non-refoulement (non respingimento, ndr), così come è interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, significa essenzialmente che gli Stati devono astenersi dal respingere una persona (direttamente o indirettamente) laddove potrebbe correre un rischio reale di essere sottoposta a tortura o a pene o trattamenti inumani o degradanti".