18/11/2019
08/05/2018

Salviamo i piccoli comuni. Sono più di 5000 dove vivono 10 milioni di persone

I più piccoli Moncenisio e Pedesina. La maggior parte sono in Valle D’Aosta e Molise




Sono la cassaforte dei tesori italiani. Dove si mantengono ancora vive le tradizioni più antiche, dove si tramandano le storie e i dialetti e dove si coltivano e si valorizzano quasi tutti i prodotti tipici.


Sono circa cinquemila i piccoli comuni italiani, quelli sotto i 5mila abitanti. Rappresentano il 70% delle oltre 8000 realtà amministrative locali presenti nel nostro Paese. È questa la fotografia scattata dall’Atlante dei Piccoli comuni, dove vivono  ancora in 10 milioni, anche se la tentazione di fuga è sempre più forte. Perché i disagi quotidiani e la carenza di assistenza e infrastrutture finiscono per rendere la vita molto più difficile. I comuni meno popolosi d’Italia sono Moncenisio in provincia di Torino e Pedesina vicino a Sondrio, dove vivono solo 36 abitanti.


Dal rapporto emerge che in Valle D’Aosta nessun comune oltrepassa la soglia dei 5mila residenti, ad eccezione ovviamente di Aosta. In Molise i piccoli comuni sono il 91% del totale e in Trentino Alto Adige rappresentano l’89% complessivo.


E allora c’è bisogno di un grande piano per fermare lo spopolamento e ridurre il gap dei servizi tra chi abita in città e chi ancora resiste in periferia. Per salvare i piccoli borghi da meno di un anno c’è una legge con un finanziamento di 100 milioni per la messa in sicurezza delle strade, l’estensione della rete della banda larga, la tutela dell’ambiente, il potenziamento dei servizi scolastici, la sistemazione delle scuole, l’acquisizione di edifici in abbandono, la promozione dei prodotti agricoli locali e la creazione di strutture turistiche, itinerari e piste ciclabili.

L’incidenza minore di piccoli comuni sul territorio regionale si registra in Puglia dove solo il 32% dei paesi presenti conta fino a 5 mila abitanti e un sesto della popolazione residente in Italia vive in un piccolo comune. Si tratta di più di 10 milioni di  persone, confermando come questi territori rappresentino una realtà rilevante per l’Italia.