10/12/2018
21/06/2010

L'estate non decolla

Piogge torrenziali, allagamenti, nevi sopra i 1500 metri. Più che il primo giorno d'estate sembra il principio d’autunno. La colpa, spiegano i metereologi, è di un nucleo di aria fredda proveniente dal nord Europa

Piogge torrenziali, allagamenti, nevi sopra i 1500 metri. Più che il primo giorno d'estate sembra il principio d’autunno.

La colpa – spiegano i metereologi – è di un nucleo di aria fredda proveniente dal nord Europa che ha fatto scendere le temperature ben al di sotto della media stagionale.

La perturbazione, che nei giorni scorsi ha colpito soprattutto il Nord, interessa ormai anche il Sud e le Isole.  A Giugliano, a nord di Napoli, i vigili del fuoco hanno dovuto mettere in salvo gli occupanti di un ristorante e di alcune abitazioni minacciate dall'acqua.

Intanto nella provincia di Bergamo continuano le ricerche del 65enne, Giovanni Cattaneo, disperso da ieri pomeriggio nei boschi della zona di Valleve. Numerosi i disagi nel resto d’Italia con forti nevicate sui passi dolomitici di Veneto e Trentino e mare molto mosso lungo le coste.   

E mentre la macchina del turismo balneare stenta a mettersi in moto, il maltempo rischia di colpire anche l’agricoltura.  
Secondo la Coldiretti, un avvio d'estate così piovoso, dopo una primavera con precipitazioni del 12% sopra la media, rischia di produrre danni di milioni di euro. Intanto un generale miglioramento è previsto da martedì. Ma, secondo gli esperti, per l'estate vera bisognerà aspettare a luglio.