01/12/2020
18/10/2012

“La Rai ai cittadini". Notte bianca
per la libertà di informazione

ROMA - “La notte bianca della Rai ai cittadini e la libertà d’informazione” è una maratona, organizzata da 'Move on Italia', alla quale prenderanno parte esponenti della società civile, artisti a associazioni. Appuntamento giovedì 18 dalle 18 in Piazza Farnese a Roma. Hastag #nottebiancarai

Siamo al 4° posto tra i paesi più corrotti della Ue e al 61° nel mondo nella speciale classifica di Reporter Senza Frontiere sulla libertà di stampa, dopo la Papuasia, la Tanzania, il Gana e il Botswana. 

Salta all’occhio che essere tra i paesi più corrotti e con poca libertà di stampa sono presupposti essenziali per apparire un popolo perlomeno poco raccomandabile e credibile, agli occhi dei nostri partner europei e degli stranieri che volessero investire nel nostro Paese. 

Anche per questo l’iniziativa che il ‘Move On Italia’ ha programmato giovedì 18 ottobre, dalle 18 in poi in P.zza Farnese, assume una rilevanza particolare.“La notte bianca della Rai ai cittadini e la libertà d’informazione” sarà una maratona nella quale si mescoleranno esponenti della società civile insieme ad artisti e prenderanno la parola rappresentanti di tante associazioni che chiederanno ai politici presenti, tra gli altri Vincenzo Vita, Antonio Di Pietro, Nichi Vendola, Dario Franceschini, Angelo Bonelli, Bengasi Battisti (sindaco del Movimento 5 Stelle di Corchiano), Fabio Granata, Carlo Rognoni, di prendere posizione sui “5 punti per garantire un bene pubblico” e che comprendono: il superamento dell’anomalia per la quale l’azionista del servizio pubblico è il Ministero dell’Economia; la sostituzione della Commissione parlamentare di Vigilanza con un Consiglio per le Comunicazioni audiovisive (i cui membri dovrebbero essere in maggioranza nominati dalla società civile); la nomina dei vertici della concessionaria del servizio pubblico (il Cda Rai e l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni), mediante concorsi pubblici in base a criteri di professionalità, competenza nel campo radiotelevisivo ed indipendenza; modalità interattive di controllo e di valutazione da parte dei cittadini con un uso consapevole e attivo di tutti i media gestiti dalla Rai. In poche parole la possibilità di togliere la gestione del servizio pubblico radiotelevisivo dalle mani dei partiti restituendola agli utenti e alle professionalità del campo. 

Ma non sarà una notte bianca fatta ‘solo’ di parole, perché sul palco della piazza romana si alterneranno anche artisti del calibro di Rocco Papaleo, Chiara Civello, Francesco Baccini, Matteo Catalano, Leandro Piccioni, Alessandro Haber e Andrea Rivera.

Numerose le associazioni che hanno aderito all’iniziativa, da Libera di Don Ciotti ad Articolo 21, da Libertà e Giustizia alla Tavola della Pace. E ancora Fnsi, Usigrai, Teatro Valle Occupato, Indignerai, Alba, Liberacittadinanza, TILT, Rete Viola, Il Popolo Viola e tutti i movimenti che hanno aderito ai 5 punti de La Rai ai cittadini. 

L’hastag Twitter per seguire e commentare sulla Rete è #nottebiancarai