17/11/2018
30/01/2013

Nord Corea: cannibalismo a causa della carestia?

Secondo alcune fonti la carestia in Corea del Nord sarebbe così grave da aver costretto alcune persone a nutrirsi di carne umana

Nord Corea: cannibalismo a causa della carestia?

Ritenute 'credibili' certe voci su casi di cannibalismo nel piccolo stato orientale afflitto dalla carestia

28 gennaio - The Week

Secondo alcune fonti la carestia in Corea del Nord sarebbe così grave da aver costretto alcune persone a nutrirsi di carne umana. Un uomo sarebbe anche finito davanti al plotone di esecuzione perché ritenuto colpevole di aver ucciso e mangiato i figli. L'agenzia di stampa giapponese Asia Press riporta che l'uomo, del quale non sono note le generalità, avrebbe ucciso i suoi due bambini e detto alla moglie al rientro a casa che per cena "c'era carne". Insospettita dalla novità la donna avrebbe denunciato il marito alle autorità di polizia, che avrebbero poi rinvenuto i cadaveri dei ragazzi. Le stesse fonti parlano anche del caso di un nonno che avrebbe riesumato i nipoti morti per mangiarne i resti e di un altro genitore che avrebbe ucciso e cucinato il figlioletto. Inutile dire che non c'è conferma di alcun genere dalla dittatura di Kim Jong-un, che difficilmente ammetterebbe, comunque, orrori di questa portata.


Ci si interroga, quindi, su quanto racconti così raccapriccianti possano essere veri. Certa stampa è possibilista (The Atlantic Wire, Usa), senza contare che la Asia Press, che si avvale di una rete di "cittadini giornalisti" sul territorio coreano, viene considerata "attendibile". 

Non è la prima volta che sentiamo parlare di fame e casi di cannibalismo in Nord Corea. L'anno scorso anche il World Food Programme delle Nazioni Unite ha riferito di "fame e malnutrizione per madri e bambini" nordcoreani. Nel 2011 sul Korea Herald era apparsa la notizia di un documento della polizia, secondo il quale un uomo aveva ucciso il collega con un'ascia per venderne la carne e già una decina di anni fa il Daily Telegraph aveva pubblicato testimonianze di rifugiati scappati dal Paese a causa dei sempre più frequenti casi di cannibalismo. La NorthKorea.net, inoltre, scrive che difficilmente agli osservatori delle Nazioni Unite sarebbero mostrate regioni colpite dalla carestia.

In seguito a minacce di "un nuovo test nucleare" le Nazioni Unite hanno risposto con altre sanzioni, che hanno provocato la dura reazione del Paese asiatico