18/08/2019
20/02/2012

----------------------------------------- La tecnologia in pillole -----------------------------------------

a cura di Pasquale Martello
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Apple presenta il nuovo iPad
 Apple ha presentato il nuovo iPad, la terza generazione del dispositivo mobile che ha definito l’intera categoria: è dotato di un nuovo, fantastico display Retina, il nuovo chip A5X di Apple con grafica quad-core e una webcam iSight da 5 megapixel con ottica evoluta per scattare foto fantastiche e girare video HD 1080p. iPad con Wi-Fi + 4G si collega alle reti più veloci in tutto il mondo, incluse le reti LTE 4G di AT&T e Verizon, pur continuando a offrire la stessa eccellente durata della batteria di 10 ore* e mantenendo il suo look incredibilmente sottile e leggero.

''Il nuovo iPad ridefinisce nuovamente la categoria che Apple stessa ha creato meno di due anni fa, offrendo l’esperienza più incredibile che le persone abbiano mai avuto con la tecnologia,'' ha dichiarato Philip Schiller, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple. ''Ora il nuovo iPad ha il display dalla risoluzione più alta mai vista su un dispositivo mobile, con 3,1 milioni di pixel che assicurano testi ultranitidi e un dettaglio incredibile nelle foto e nei video.''

Il display Retina del nuovo iPad ha un numero di pixel quattro volte superiore rispetto all’iPad 2, una densità talmente alta che l’occhio umano non è in grado di distinguere i singoli pixel quando si tiene il dispositivo a una distanza normale; e ciò rende pagine web, testo, immagini e video ancora più nitidi e realistici.
I 3,1 milioni di pixel nel display Retina sono oltre un milione di pixel in più rispetto a un televisore HD; e, con un aumento del 44% della saturazione del colore, il nuovo iPad visualizza colori incredibilmente più ricchi, profondi e vivaci.
I film possono essere riprodotti in Full HD 1080p, per un’esperienza visiva senza precedenti per un dispositivo mobile.

Il nuovo, potentissimo chip A5X con grafica quad-core è stato appositamente progettato da Apple per offrire un’esperienza utente veloce e reattiva, supportando al contempo l’incredibile display Retina.
Con prestazioni grafiche doppie rispetto al chip A5, il chip A5X offre un equilibrio perfetto fra performance ed efficienza energetica: gli utenti potranno godere di tutti i vantaggi offerti dal nuovo display godendo anche dell’intuitiva interfaccia Multi-Touch, dei giochi più appassionanti e coinvolgenti, di una profondità visiva incredibile e dell’autonomia eccezionale per cui iPad è celebre.

La webcam iSight da 5 megapixel ha un’ottica evoluta capace di scattare foto eccellenti e registrare video in Full HD. L’illuminazione posteriore consente di scattare foto bellissime anche quando c’è poca luce e la nuova funzione di stabilizzazione delle immagini video rimuove i salti e le vibrazioni cui sono soggetti i filmati ripresi con un dispositivo mobile.
Le immagini possono essere ammirate sull’ampio display Retina, ma le si può anche modificare, ottimizzare e condividere facilmente con amici e famigliari grazie all’app Immagini inclusa sull’iPad.

iPad Wi-Fi + 4G con LTE 4G di ultima generazione integrato offre il supporto più completo per le reti veloci in tutto il mondo, incluse HSPA+ e DC-HSDPA, e ora sia gli utenti di iPad CDMA che GSM potranno usare facilmente il roaming internazionale. iPad è ora cittadino del mondo, e offre incredibili velocità in download e in upload; le pagine web si caricano ad una velocità incredibile e si possono inviare e ricevere facilmente e-mail con allegati di grandi dimensioni. La funzione Hotspot Personale consente di condividere la veloce connessione di rete sull’iPad con un massimo di 5 altri dispositivi via Wi-Fi, Bluetooth o USB.

Grazie a iOS 5.1, l’ultimo aggiornamento del sistema operativo mobile più evoluto al mondo, il nuovo iPad vanta una serie di nuove funzioni e importanti miglioramenti, fra cui: app Fotocamera riprogettata, ora con tecnologia di stabilizzazione video; possibilità di eliminare le foto da Streaming foto; supporto per la dettatura in inglese, francese, tedesco e giapponese; e la funzione Hotspot Personale.
Inoltre iOS 5.1 si integra alla perfezione con iCloud, un insieme di rivoluzionari servizi cloud gratuiti, fra cui iTunes nella nuvola, Streaming foto e Documenti nella nuvola: iCloud archivia i contenuti dell’utente e li invia in automatico e in wireless a tutti i suoi dispositivi iPhone, iPad, iPod touch, Mac e PC. Quando i contenuti cambiano su un dispositivo, tutti gli altri vengono automaticamente aggiornati.

Il nuovo iPad supporta anche la dettatura, un altro eccellente modo di fare tutto semplicemente utilizzando la voce. Anziché digitare, basta toccare l’icona del microfono sulla tastiera e parlare: il nuovo iPad ascolta tutto. Poi basta toccare Fine, e l’iPad convertirà le parole in testo.
La dettatura è utile per scrivere messaggi, prendere appunti, fare ricerche sul web e molto altro. E funziona anche con le app di terze parti, così gli utenti potranno aggiornare lo stato di Facebook, tweetare o scrivere didascalie in Instagram usando solo la voce.

Apple ha inoltre presentato l’app iPhoto, insieme a importanti aggiornamenti di iMovie e GarageBand, completando così la suite di app iLife per iOS. iLife, così come le app della suite iWork, Pages, Keynote e Numbers, sono state tutte aggiornate per sfruttare il nuovo display Retina dell’iPad. iPhoto include fantastiche funzioni Multi-Touch: con gesti intuitivi, gli utenti potranno ora sfogliare centinaia di foto, trovare gli scatti più belli, ottimizzare e ritoccare le immagini con pennelli facili da usare e condividere diari fotografici con iCloud .
iMovie consente ora di creare eccezionali trailer cinematografici in perfetto stile hollywoodiano mentre si filmano i video in HD. E GarageBand introduce Jam Session, una funzione innovativa e divertente con cui un gruppo di amici può connettere in wireless i propri dispositivi iOS per suonare strumenti e registrare una sessione di musica live.

iPad supporta quasi tutte le oltre 585.000 app disponibili sull’App Store, fra cui più di 200.000 native per l’iPad: gli utenti possono scegliere fra un’incredibile gamma di categorie, fra cui Libri, Giochi, Economia, News, Sport, Salute e benessere, Riferimento e Viaggi. Con l’iTunes Store, il più famoso store online al mondo di musica, trasmissioni TV e film è a portata di tap, con un catalogo di oltre 20 milioni di brani, più di 90.000 episodi TV e oltre 15.000 film.
E la nuova app iBooks 2 per iPad offre agli utenti un’esperienza di lettura innovativa e dinamica, con ebook coinvolgenti e davvero interattivi. Gli iBook creati con il nuovo iBooks Author di Apple sono libri elettronici a schermo intero, facili e belli da leggere, e arricchiti da animazioni interattive, diagrammi, foto, video, una navigazione estremamente fluida e molto altro.
Università di Torino e JekoLab
rispondono online alle domande dei genitori sull’uso della tecnologia

JekoLab, specializzata nella realizzazione di applicazioni educative rivolte all’infanzia, in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Torino, ha creato una nuova sezione del proprio sito destinata a supportare i genitori nell’uso corretto ed educativo delle nuove tecnologie da parte dei più piccoli.
Collegandosi a jekolab.com/question-room/, mamme e papà potranno consultare le risposte fornite da esperti della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Torino alle domande di altri genitori relative all’uso di tablet e computer e inviare direttamente il proprio quesito a domande@jekolab.com.
Sempre in questa sezione, verranno pubblicati approfondimenti specifici sugli stessi temi preparati ad hoc dall’Università.
Grazie a questa iniziativa, le mamme e i papà, ma anche gli educatori dell’infanzia, potranno sciogliere i propri dubbi sull’impiego delle nuove tecnologie, sulle modalità più adatte e idonee all’interazione con i dispositivi digitali di ultima generazione e sulle potenzialità didattiche di questi strumenti.
''L’obiettivo di JekoLab - spiega Silvia Carbotti, responsabile creativa JekoLab - è di sfruttare le nuove opportunità che i tablet offrono anche ai più piccoli, fondendo la dimensione dell’intrattenimento con quella dell’apprendimento, prestando la massima attenzione a creare applicazioni sia attraenti per i piccoli sia intelligenti e utili per il loro sviluppo cognitivo e che presuppongono un uso in compagnia dei genitori.
Il nostro intento è perciò di progettare apps che non siano semplici trasposizioni di libri stampati ma apps che esaltino le potenzialità educative dei nuovi dispositivi digitali, anziché trasformarli in comodi surrogati dei genitori''.

Mobile World Congress 2012
Apre i battenti a Barcellona l'edizione 2012 del Mobile World Congress.
Da oggi i maggiori protagonisti del mercato mondiale, Apple esclusa, della telefonia mobile presenteranno le proprie novità e si analizzeranno le ultime le ultime tendenze del mercato; come l'avanzata di Android su smartphone e tablet e l'agguerrita concorrenza di Nokia e Microsoft.
>> Questo l'indirizzo del sito ufficiale del Mobile World Congress 2012

Le linee guida di Facebook per punire gli abusi degli utenti
Come mai alcuni contenuti su Facebook vengono improvvisamente rimossi? Finalmente sarebbe possibile conoscerne le motivazioni.
Nove le categorie censurabili, a loro volta suddivise in altre sottocategorie: ''Sesso e Nudità'', ''Uso illegale di droghe'', ''Furto, vandalismo e frodi'', ''Messaggi d’odio'', ''Immagini forti'', ''Blocco degli IP'', ''Automutilazione'', ''Bullismo e assalto'', ''Minacce credibili''.
Questo sarebbe trapelato da un documento riservato online di 17 pagine e stilato da oDesk, società di moderazione assoldata da Facebook, con tutte le linee guida per la community.
Tra le indicazioni generali: il divieto di pubblicare immagini di allattamento al seno, l’impossibilità di mostrare il segno di un capezzolo femminile sotto una maglietta attillata, le foto all'interno di un bagno o ancora le fotografie di persone ubriache, o deformate con ''photoshopping'', ed in generale sull’ostentazione di stupefacenti ''in contesti non scientifici''.
Parrebbe non esserrci alcun divieto invece di mostrare fluidi corporei ad eccezione dello sperma, così come scene violente di corpi disastrati da incidenti e affini. Scene truculente hanno il via libera, a prescindere dal sangue mostrato, finchè non riguardino ''organi interni''.
La rete si interroga se tutto ciò sia realtà o leggenda metropolitana.
La Coca Cola fa chiudere il blog italiano Coca Colla
23/02/2012
Il blog italiano di appassionati di design coca-colla, fondato da un gruppo di giovani che dal 2010 si occupa di arte, design, advertising, lifestyle e trend della rete, costretto a chiudere dalla Coca-Cola.
Secondo il gigante americano, il nome sarebbe troppo simile a quello della bevanda gassata più famosa del pianeta.
La motivazione sarebbe questa: ''la registrazione e l’utilizzo del nome a dominio www.cocacolla.it determina l’insorgere di un grave rischio di confusione per i consumatori che possono essere indotti a ritenere che il segno e il dominio siano volti a contraddistinguere prodotti/servizi distribuiti, organizzati o sponsorizzati dalla Coca Cola''.
Il lavoro di questi ragazzi aveva e sta tuttora riscuotendo notevole successo nella blogosfera italiana. E non è un caso che di loro si sia è accorta anche la Coca-Cola Company.

Fermi tutti! Arriva PAC PAD, il tablet dell’Air Force Pakistana
20/02/2012
Kamra, Pakistan. Nella base di massima sicurezza dove si producono aerei da caccia e altri sistemi di difesa, i militari pakistani stanno lavorando a un prodotto che andrà ad aggiungersi a un impero commerciale in espansione: la versione autoctona dell'iPad. Si tratta di un'iniziativa che mette insieme tecnologia pakistana e hardware cinese, che dovrebbe mettere ulteriormente in luce la già discussa presenza sul mercato dei militari pakistani, e giovare tanto all'economia che alla tormentata autostima nazionale.
Il tutto avviene in una base dell'aeronautica di Kamra, Pakistan settentrionale, dove gli ingegneri non impegnati in progetti della difesa stanno lavorando al PACPAD1, il tablet tutto pakistano.
"PACPAD nasce come copia dell’originale iPad" ci dice Mohammad Imran, che ha già in magazzino il tablet pakistano nel suo negozietto di telefonia e computer di Rawalpindi, città nei pressi di Kamra e base principale delle forze armate pakistane.
Lo strumento funziona su Android 2.3, un sistema operativo realizzato da Google ceduto gratuitamente, e costa sui 200 dollari, circa la metà dei tablet di Apple e Samsung ed è, nel complesso, molto più economico dei prodotti affini di fabbricazione cinese già disponibili. In più, il PACPAD viene venduto con garanzia di un anno.

>> CONTINUA A LEGGERE

Celentano: exploit del nuovo album su itunes
20/02/2012
'' Facciamo finta che sia vero '', il nuovo album di Celentano, uscito il 29 novembre 2011, schizza su Itunes.
Grazie all'effetto Sanremo dal sessantesimo posto in un solo giorno passa al settimo, superando anche la vincitrice Emma.
Prima del Festival aveva già venduto quasi 200mila copie.
Quando canta quindi il molleggiato sembra mettere tutti d'accordo.
Google spia illegalmente gli utenti Apple con Safari
18/02/2012
Questa la denuncia del Wall Street Journal, secondo il quale Google e altre aziende pubblicitarie sono riuscite a spiare le attivita' sulla rete di milioni di utenti di Apple utilizzando i codici speciali contenuti nel browser Safari.
A scoprirlo e' stato Jonathan Mayer, ricercatore di Stanford, le cui informazioni sono state poi verificate da un ingegnere informatico contattato dal quotidiano finanziario. Google ha poi rimosso i codici e interrotto questa pratica al limite dell'illegalita', assicurando che gli utenti di Internet, Explorer, Firefox e Chrome non sono stati interessati dal problema e neppure quelli di qualsiasi altro browser, compreso Safari, che abbiano scelto l'"opt out" dal programma di pubblicita' basato sugli interessi, utilizzando lo strumento di Gestione preferenze annunci pubblicitari. La Apple, da parte sua, ha fatto sapere che sta lavorando per trovare un modo di "fermare" queste intrusioni.

Google si difende affermando che il sistema non memorizzava alcun tipo di dato personale.

''E' importante sottolineare che questi cookie pubblicitari non raccolgono informazioni personali - ribadisce Google -. Diversamente da altri importanti browser, Safari di Apple blocca per impostazione predefinita i cookie di terze parti. Tuttavia, Safari abilita per i propri utenti svariate funzionalità web che fanno affidamento su terze parti e sui cookies di terze parti quali i pulsanti 'Like'.
Mountain View spiega anche che lo scorso anno hanno ''cominciato ad usare questa funzionalità per abilitare alcune funzioni (come per esempio la possibilità di fare '+1' su contenuti di interesse dell'utente) per quegli utenti di Safari che erano loggati nel loro account Google e che avevano scelto di vedere pubblicità personalizzate e altri contenuti''.
''Per abilitare queste funzioni abbiamo creato un link temporaneo tra Safari e i server di Google in modo da poter verificare se un utente di Safari era anche loggato nel suo account Google e aveva optato per questo tipo di personalizzazione - aggiunge Rachel Whetstone - ma abbiamo sviluppato questo link in modo che le informazioni che passavano tra il browser Safari degli utenti e i server di Google fossero anonime, creando una barriera effettiva tra le loro informazioni personali e il contenuto su cui stavano navigando''.
''Tuttavia - spiega il colosso del web - il browser Safari conteneva altre funzionalità che hanno fatto sì che altri cookie pubblicitari di Google fossero installati nel browser. Non avevamo previsto che potesse succedere e ora abbiamo cominciato a rimuovere questi cookie pubblicitari dai browser Safari''.
''E' importante sottolineare che, esattamente come con altri browser, questi cookie pubblicitari non raccolgono informazioni personali", ribadisce ancora e conclude: "Gli utenti di Internet Explorer, Firefox e Chrome non sono stati interessati né lo sono stati utenti di qualsiasi browser, incluso Safari, che avevano scelto di fare opt-out dal nostro programma di pubblicità basata sugli interessi utilizzando il nostro strumento di Gestione Preferenze Annunci Pubblicitari''.