[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Archivio storico

PAOLO VI Il Grande Timoniere

Sabato 18 alle ore 18 su Raitre Il profilo spirituale di Giovanni Battista Montini

10-10-2014 17:04

    » Segnala ad un amico
    PAOLO VI
Il Grande Timoniere

    RaiTre e Rai Vaticano

    presentano

    PAOLO VI

    IL GRANDE TIMONIERE

     

    un docufilm di Filippo Di Giacomo e Nicola Vicenti

    montaggio di Pierluigi Lodi                                           

    Rai Tre, sabato 18 ottobre alle ore 18.00 - Durata 50 min.

    Paolo VI è stato definito amletico, dubbioso, titubante, incerto. Eppure il 19 ottobre sarà Beato. Perché?

    Per alcuni era troppo progressista, per altri era troppo conservatore. Intellettuale raffinato, non sarebbe mai entrato nel cuore della gente come Giovanni XXIII; cireneo della Chiesa, non avrebbe mai testimoniato una fede rocciosa come Giovanni Paolo II. Eppure la Chiesa di Roma lo innalzerà sugli altari il 19 ottobre.

    Un gigante del ‘900, raccontato da Raitre e Raivaticano, con un docufilm, a cura di Luigi Bizzarri e Massimo Milone, firmato da Filippo Di Giacomo e Nicola Vicenti, in onda sabato 18 ottobre alle ore 16.30, vigilia della Beatificazione.

    Perché Papa Francesco farà Beato Giovanni Battista Montini? Quali sono i punti di continuità tra il Papa argentino e il suo predecessore bresciano?

    Attraverso i suoi discorsi, gli scritti privati, le sue vive parole, i gesti già allora eclatanti, e con «testimoni oculari» come i cardinali Paul Poupard e Roger Etchegaray, emerge un profilo inedito del Pontefice, uomo di profonda spiritualità, che ha attraversato momenti storici difficilissimi per la Chiesa e la società e che ha pagato di persona scelte prese in solitudine.

    Forse il Signore mi ha chiamato e mi tiene a questo servizio non tanto perché io vi abbia qualche attitudine, ma perché io soffra qualche cosa per la Chiesa”.

    L’attività diplomatica lo ha portato a vivere da vicino la tragedia della guerra; il ruolo di Pastore gli ha fatto conoscere gli sconvolgimenti sociali; il pontificato lo ha portato ad annunciare, novello apostolo, Cristo in tutto il mondo.

    Tuttavia il profilo spirituale di questo papa resta ancora sconosciuto. La grande passione di servire la Chiesa insieme alla grande passione di servire l’uomo, dialogando con tutti instancabilmente. Forse è questo che lo accomuna a Papa Francesco. E anche se la Storia ci ha consegnato un pontefice dimesso, i gesti, gli atti e le parole sue sono ora più presenti che mai.

    Benedetto XVI lo ha definito un «grande timoniere» forse perché è stato il primo a riformare la Chiesa, a rinnovarla, a spogliarla di guardie e flabelli. Paolo VI è stato il primo a scendere dal trono e a mescolarsi alla folla, ad aprire la prima breccia nel «muro della Controriforma». Paolo VI è stato il primo a impugnare il pastorale, a presentarsi con mitria e casula, a rivendicare il suo ruolo di semplice vescovo, il «vescovo di Roma», proprio come Francesco. Da questo e dagli altri suoi “primi passi”, è iniziata la nuova storia del Papato contemporaneo, sul cammino indicato dalla grande passione di Paolo VI: comunicare a tutti i Pastori che “Cristo è il centro della storia e del mondo”.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847