[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Archivio storico

Il Papa parla alla Rota Romana

Snellire le procedure di nullità

06-11-2014 12:05

Il Papa parla alla Rota Romana

Ai partecipanti a un corso promosso dal Tribunale della Rota Romana Francesco ha parlato di giustizia e carità come aspetti imprescindibili del lavoro rotale.

"La Chiesa non faccia aspettare anni quanti hanno bisogno di sapere se il loro matrimonio è nullo o valido, è una questione di giustizia e di carità".

Papa Francesco si è mostrato sin da subito attento alla riforma del processo matrimoniale. Istituendo una Commissione speciale canonica, ha voluto dare un segnale, poi confermato anche dal recente Sinodo, di come il processo di nullità matrimoniale debba essere rivisto. Una procedura semplificata per il bene dei contraenti il matrimonio e per evitare il pericolo di manipolazioni da parte di chi è chiamato a giudicare.

Al recente Sinodo ha detto "si è parlato delle procedure di nullità perché “siano giuste e giustizia ci sia per la gente che aspetta”. “Quanta gente – ha esclamato  - aspetta anni una sentenza...perché c’è tanta gente che ha bisogno di una parola della Chiesa sulla sua situazione matrimoniale, per il sì e per il no, ma che sia giusta".

Poi rifacendosi, come spesso fa, al suo precedente ministero di vescovo a Buenos Aires ha raccontato come tra le procedure si insidi la tentazione del denaro e dell'arricchimento: “E bisogna essere anche molto attenti che le procedure non siano entro la cornice degli affari: e non parlo di cose strane. Ci sono stati anche scandali pubblici. Io ho dovuto congedare dal Tribunale una persona, tempo fa, che diceva: ‘10.000 dollari e ti faccio i due, il civile e l’ecclesiastico’. Per favore, questo no! Sempre nel Sinodo alcune proposte hanno parlato di gratuità, si deve vedere ... Ma quando sono attaccati l’interesse spirituale all’economico, questo non è di Dio!”.

“La madre Chiesa – ha affermato il Papa - ha tanta generosità per poter fare giustizia gratuitamente, come gratuitamente siamo stati giustificati da Gesù Cristo”.

Rai.it

Siti Rai online: 847