[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Archivio storico

La lavanda dei piedi di Francesco

Il Papa incontra i detenuti del carcere di Rebibbia

03-04-2015 08:21

La lavanda dei piedi di Francesco

Ha incontrato 300 detenuti appena giunto al Carcere romano di Rebibbia. Li ha salutato uno per uno. Ha detto parole a ciascuno. Ha benedetto i molti rosari che avevano tra le mani. Ha stretto mani e dopo un po’ ha cominciato ad abbracciare con bacio tutti gli altri. Alcuni lo hanno costretto a tornare indietro per stringerli ancora. Così è iniziata la Messa in Coena Domini, quella della lavanda dei piedi, della Pasqua del 2015.

Il Papa ha lavato i piedi a 12 detenuti, sei uomini e sei donne, sia italiani che stranieri. 

“Gesù ci amò, Gesù ci ama, ma senza limite, fino alla fine, al punto di dare la vita per noi, per ognuno di noi”.

"L’amore di Gesù per noi non ha limiti: sempre e di più, sempre e di più. Non si stanca di amare. A nessuno. Ama tutti noi, al punto di dare la vita per noi: sì, dare la vita per noi; sì, dare la vita per tutti noi, dare la vita per ognuno di noi e ognuno di noi può dire: “Dare la vita per me “. Ognuno: ha dato la vita per te, per te, per te, per me, per lui … per ognuno, con nome e cognome. E il suo amore è così: personale. L’amore di Gesù non delude mai, perché Lui non si stanca di amare, come non si stanca di perdonare, non si stanca di abbracciarci … Questa è la prima cosa che volevo dirvi: Gesù ci amò, a ognuno di noi, fino alla fine". 

"…Non c’erano i sampietrini, in quel tempo, no? Era la polvere del cammino. E all’entrata della casa, le si lavavano i piedi. Ma questo non lo faceva il padrone di casa: lo facevano gli schiavi. Era lavoro di schiavi. E Gesù lava come schiavo i nostri piedi, i piedi dei discepoli, e per questo dice: “Questo che io faccio, tu ora non lo capisci – dice a Pietro – lo capirai dopo”. Gesù, è tanto l’amore che si è fatto schiavo per servirci, per guarirci, per pulirci.  E oggi, in questa Messa, la Chiesa vuole che il sacerdote lavi i piedi di dodici persone, in memoria dei Dodici Apostoli. Ma nel cuore nostro, dobbiamo avere la certezza, dobbiamo essere sicuri che il Signore, quando ci lava i piedi, ci lava tutto, ci purifica, ci fa sentire un’altra volta il suo amore". 

“Nella Bibbia c’è una frase, nel profeta Isaia, tanto bella: 'ma può una mamma dimenticarsi di un suo figlio? Se una mamma si dimenticasse del suo figlio io mai mi dimenticherò di te'. Così è l'amore di Dio per noi".

"E io laverò, oggi, i piedi di dodici di voi, ma in questi fratelli e sorelle siete tutti voi: tutti, tutti. Tutti quelli che abitano qui. Voi rappresentate loro. Ma anche io ho bisogno di essere lavato dal Signore, e per questo pregate durante questa Messa perché il Signore lavi anche le mie sporcizie, perché io diventi più schiavo di voi, più schiavo nel servizio della gente, come è stato Gesù".

 

Rai.it

Siti Rai online: 847