[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]

Archivio storico

Appello per i cristiani perseguitati

Chiedo alle istituzioni di intervenire

12-11-2014 13:54

Appello per i cristiani perseguitati

"Con grande trepidazione seguo le drammatiche vicende dei cristiani che in varie parti del mondo sono perseguitati e uccisi a motivo del loro credo religioso. Sento il bisogno di esprimere la mia profonda vicinanza spirituale alle comunità cristiane duramente colpite da un’assurda violenza che non accenna a fermarsi, mentre incoraggio i Pastori e i fedeli tutti ad essere forti e saldi nella speranza. Ancora una volta, rivolgo un accorato appello a quanti hanno responsabilità politiche a livello locale e internazionale, come pure a tutte le persone di buona volontà, affinché si intraprenda una vasta mobilitazione di coscienze in favore dei cristiani perseguitati. Essi hanno il diritto di ritrovare nei propri Paesi sicurezza e serenità, professando liberamente la nostra fede. E adesso per tutti i cristiani, perseguitati perché cristiani, vi invito a pregare il Padre Nostro". Si è conclusa con questo appello l'udienza generale di oggi, che si è svolta in Piazza, mentre diversi ammalati, più di duecento - a cui il Papa ha rivolto un applauso strappato alla folla - hanno ascoltato dall'aula Paolo VI seguendo dal maxischermo a causa del tempo incerto.
La catechesi prima aveva continuato a svolgere il tema della Chiesa, e delle gerarchie. Il Santo Padre si è domandato cosa sia richiesto ai vescovi, aiutati dai presbiteri e dai diaconi. Nelle lettere di San Paolo a Timoteo e Tito, ha detto il Santo Padre, "insieme alle doti inerenti la fede e la vita spirituale - che non possono essere trascurate, perché sono la vita stessa -, vengano elencate alcune qualità squisitamente umane: l’accoglienza, la sobrietà, la pazienza, la mitezza, l’affidabilità, la bontà di cuore. E’ questo l’alfabeto, la grammatica di base di ogni ministero! Deve essere la grammatica di base di ogni vescovo, di ogni prete, di ogni diacono. Sì, perché senza questa predisposizione bella e genuina a incontrare, a conoscere, a dialogare, ad apprezzare e a relazionarsi con i fratelli in modo rispettoso e sincero, non è possibile offrire un servizio e una testimonianza davvero gioiosi e credibili". E poi, ha detto Francesco, bisogna mantenere "sempre viva la consapevolezza che non si è vescovi, sacerdoti o diaconi perché si è più intelligenti, più bravi e migliori degli altri, ma solo in forza di un dono, un dono d’amore elargito da Dio, nella potenza del suo Spirito, per il bene del suo popolo. Questa consapevolezza è davvero importante e costituisce una grazia da chiedere ogni giorno! Infatti, un Pastore che è cosciente che il proprio ministero scaturisce unicamente dalla misericordia e dal cuore di Dio non potrà mai assumere un atteggiamento autoritario, come se tutti fossero ai suoi piedi e la comunità fosse la sua proprietà, il suo regno personale".

 



Rai.it

Siti Rai online: 847