Sanremo Story 1951 - 2016

Festa sul palco con gli Stadio dopo la vittoria

Gli Stadio cantano "Un giorno mi dirai", la canzone vincitrice di Sanremo 2016 - Sanremo 13/02/2016

Il vincitore di Sanremo Giovani Francesco Gabbani ritorna sul palco dell'Ariston con Amen - Sanremo

Backstage Live Quinta Serata - #sanremo2016

Virginia Raffaele e Roberto Bolle ballano La notte vola - Sanremo 13/02/2016

Ezio Bosso con 'Following a bird' a Sanremo 2016

A #sanremo2016... Arriva Cristina D'Avena!

Virginia Raffaele: vi racconto come vivo Sanremo

Gabriel Garko: "Cercherò di dare tutto me stesso"

Ghenea: mi sembra impossibile essere sul palco di Sanremo

Nuove Proposte

Chiara Dello Iacovo

"Introverso"

    » Segnala ad un amico
    Chiara Dello Iacovo consegue il diploma di maturità scientifica nel Giugno 2014 al Liceo F. Vercelli di Asti.

    Il 10 Ottobre 2014 ha ottenuto la Licenza B di pianoforte al Conservatorio di Alessandria, ciò che dal vecchio ordinamento era riconosciuto come il Quinto Anno.

    Si avvicinò per la prima volta allo studio del pianoforte all’incirca all’età di 8 anni: da quel momento hanno iniziato insieme quella che si sarebbe dimostrata una relazione travagliata, tra alti e bassi, amore e odio, minata da elementi e fattori che hanno minacciato diverse volte
    di troncare in maniera definitiva il loro rapporto.

    Uno di questi fu il canto, strumento che scoprì non prima della terza media, assolutamente per caso, e che la deviò per un periodo dagli studi classici. Per assecondare questa nuova passione, iniziò quindi a frequentare il corso di Canto Jazz con Paola Tomalino, che però interruppe alla Mine del terzo anno.
    Durante il periodo del liceo frequenterà anche un corso di teatro con la Compagnia degli Acerbi, intervallato da un anno di Scuola di Musical Danz’Ilaria. Parallelamente, all’età di 14 anni, aveva già iniziato a comporre le sue prime canzoni: tutte, categoricamente in lingua inglese.

    Con i brani “Not Today” e “To:the Earth”, di cui è autrice di testo e musica, partecipa al suo primo concorso, ovvero il Tour Music Fest, dopo il quale continuerà a seguire il Milone popanglosassone sia nella scrittura che nell’interpretazione. Finchè d’un tratto, un altro terremoto mette a rischio la sua stabilità: la partenza per gli Stati Uniti.

    Nel Settembre dei suoi 17 anni partirà infatti per l’America al Mine di frequentare il quarto anno di liceo, alla SOTA, una scuola
    d’arte situato a Rochester, NY. Parte per la sua avventura, e questa, inaspettatamente, la porta a riavvicinarsi allo studio della musica classica (che aveva molto trascurato nei primi anni del liceo) nonché ad una scrittura più complessa di testi. Sarà stata colpa della nostalgia, o forse di un caparbio spirito di contraddizione, ma questa volta decide di scrivere in italiano. E così
    continuerà sempre a fare, da quel momento.

    Tornata in Italia prematuramente, nel Maggio 2013 decide di partecipare al San Jorio Festival, ed inaspettatamente vince la categoria “Cantautori”. Davanti alla giuria tra cui si vedeva comparire Luca Jurman, Massimo Cotto e la Rusty Records, presenta suo nuovo inedito in italiano di cui è autrice di testo e musica (peculiarità valida da qui in poi per tutti i suoi brani successivi), vincendo la Categoria Inediti: “Irrisolti”. Con lo stesso brano, di cui sarebbe uscito il videoclip (di cui Chiara è autrice di soggetto e scenograMia), nel Novembre 2013 arriva alla fase Minale del Tour Music Fest. In questo periodo nasce anche la prima collaborazione con i Noàis, un gruppo emergente di Asti, a cui apre due concerti al Diavolo Rosso.

    Nel Maggio 2014 vince nuovamente il San Jorio Festival, la cui giuria era presieduta da Tony Bungaro e Grazia De Michele. Ottiene sia il primo posto nella Categoria Inediti, sia il “Premio Nuovi Autori” assegnato personalmente da Tony Bungaro con il brano “Genova (le persiane sono verdi)”.

    Nell’Agosto 2014 esce il videoclip di “1° Maggio”, un altro singolo, di cui cura soggetto e regia. Nel Settembre 2014 partecipa alla Finale del Premio De Andrè con l’inedito “Donna”.

    Nel Novembre 2014 partecipa alla Finale del Tour Music Fest con l’inedito “Scatola di Sole” aggiudicandosi il “Premio Songwriter of the Year”, “Premio DiscograQia Rusty Records” ed il “Premio Universal”.

    Nel Gennaio 2015 esce il videoclip di “Scatola di Sole”, grazie al quale ha inizio la collaborazione con la regista emergente Alice Bulloni.

    Nel Marzo 2015 accede alla rosa dei 16 Qinalisti di Musicultura 2015 con il suo inedito “Soldatino”, precedentemente scartato alle selezioni di Sanremo dello stesso anno. Il singolo è accompagnato dal videoclip di cui cura regia, costumi e soggetto.

    Parallelamente al Festival di Musicultura, decide di intraprendere un’importante esperienza televisiva di “TheVoice of Italy” che la porterà Mino al 3° Live Show, quando verrà eliminata purtroppo ad un passo dal poter cantare il suo inedito. TheVoice si dimostra, come già aveva previsto, un percorso tortuoso e per questo di grande crescita professionale ed umana, che risulta in ogni caso capace a gestire con prontezza e coerenza riuscendo a portare sul palco la sua verità.

    A giugno 2015 Chiara è negli 8 vincitori di Musicultura e si esibisce allo Sferisterio di Macerata vincendo ben due premi importanti: il Premio della Critica e il premio “Nuovo Imaie” come Migliore Interpretazione.

    Ottobre 2015 ha terminato le riprese come coprotagonista femminile (nel ruolo di "Celine") nel lungometraggio "Oltre la nebbia" del regista Giuseppe Varlotta.

    23 Ottobre esce il singolo “Vento”. Il videoclip del brano vede alla regia la stessa Chiara

    Attualmente sta lavorando alla realizzazione del suo primo album con l’etichetta Rusty Records.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847