Spazio Bigazzi: come si compra il pesce Spazio Bigazzi Ingredienti: Spazio Bigazzi Non solo Chef Beppe Bigazzi Procedimento: Come si compra il pesce? Spendendo meno, godendo di più, aiutando la nostra salute e la salute del pianeta. Vediamo come ci possiamo regolare: 1) Individuando il pescivendolo serio che sappia dirci se è pescato o allevato, come è pescato e come è allevato. 2) Scegliendo pesci di stagione e dei nostri mari; in inverno possiamo trovare e consumare Triglia, Ricciola, Pagello, Alice, Polpo, Sarago, Rana Pescatrice, Palamita, Sgombro, Sardina, Vongola verace, Rombo chiodato, Seppia, Lampuga. 3) Scegliendo pesci di giusta taglia: è fissata una taglia minima che varia di pesce in pesce che vuole favorire la riproduzione e quindi la sopravvivenza della specie. 4) Spendendo meno e godendo di più: non mangiare pesci di moda che costano di più e si prestano a truffe (pescespada, smeriglio...) 5) Non comprando: - il Salmone: in Atlantico è in estinzione, nel Pacifico è in grave calo. L'allevamento non è la soluzione per gli umani (i mangimi possono contenere antibiotici, coloranti...); di quello affumicato abbiamo già parlato. - Tonno rosso: a rischio di estinzione grazia alla pesca massiva giapponese; l'allevamento è altamente inquinante - Pescespada: è come mangiare un leopardo. I ricchi ignoranti lo prediligono per la facilità di cottura e l'assenza di lische - Datteri di mare: rovina delle scogliere - Merluzzo atlantico: in via di estinzione - Cernia bruna mediterranea: è un pesce ermafrodita, nasce femmina, poi diventa maschio 6) Il pesce da comprare, perché non a rischio e costa poco: - Aguglia, Sgombro, Sugarello, Palamita,Zerro, Pagello, Lampuga, Pescepilota, Cicarello. La FAO ha dato i numeri ai mari e agli oceani per segnalare e individuare i mari di provenienza del pesce che compriamo: 21 Atlantico Nord Occidentale 27 Atlantico Nord Orientale 37 Mar Mediterraneo 51 – 57 Oceano Indiano Procedimento:
Come si compra il pesce? Spendendo meno, godendo di più, aiutando la nostra salute e la salute del pianeta.  Vediamo come ci possiamo regolare:
1) Individuando il pescivendolo serio che sappia dirci se è pescato o allevato, come è pescato e come è allevato.
2) Scegliendo pesci di stagione e dei nostri mari; in inverno possiamo trovare e consumare Triglia, Ricciola, Pagello, Alice, Polpo, Sarago, Rana Pescatrice, Palamita, Sgombro, Sardina, Vongola verace, Rombo chiodato, Seppia, Lampuga.
3) Scegliendo pesci di giusta taglia: è fissata una taglia minima che varia di pesce in pesce che vuole favorire la riproduzione e quindi la sopravvivenza della specie.
4) Spendendo meno e godendo di più: non mangiare pesci di moda che costano di più e si prestano a truffe (pescespada, smeriglio...)
5) Non comprando:
- il Salmone: in Atlantico è in estinzione, nel Pacifico è in grave calo. L’allevamento non è la soluzione per gli umani (i mangimi possono contenere antibiotici, coloranti...); di quello affumicato abbiamo già parlato.
- Tonno rosso: a rischio di estinzione grazia alla pesca massiva giapponese; l’allevamento è altamente inquinante
- Pescespada: è come mangiare un leopardo. I ricchi ignoranti lo prediligono per la facilità di cottura e l’assenza di lische
- Datteri di mare: rovina delle scogliere
- Merluzzo atlantico: in via di estinzione
- Cernia bruna mediterranea: è un pesce ermafrodita, nasce femmina, poi diventa maschio
6) Il pesce da comprare, perché non a rischio e costa poco:
-  Aguglia, Sgombro, Sugarello, Palamita,Zerro, Pagello, Lampuga, Pescepilota, Cicarello.

La FAO ha dato i numeri ai mari e agli oceani per segnalare e individuare i mari di provenienza del pesce che compriamo:
21  Atlantico Nord Occidentale
27  Atlantico Nord Orientale
37  Mar Mediterraneo
51 – 57 Oceano Indiano

]]>