In evidenza

Branwell Donaghey

Michael McCann

Descrivici il tuo personaggio, Michael McCann.
"Comando una squadra di rivettatori. Michael è cattolico. C’erano molti pochi cattolici impiegati al cantiere a quale tempo, ma lui è riuscito ad ottenere un posto di responsabilità: con scarsa autorità, ma comunque di responsabilità. Tira la carretta come può.
Inoltre Michael è continuamente impegnato nella lotta per ottenere condizioni di lavoro più giuste: promuovendo i diritti dei lavoratori e per migliorare la situazione di chiunque lavori al cantiere, a prescindere dalla fede. Michael è un membro del Sindacato dei Lavoratori del Porto. La sua lotta per migliori condizioni è parte integrante della sua storia."

E’ un idealista, ma non un rivoluzionario?
"Assolutamente, penso che sia la sua caratteristica più importante. Vuole raggiungere i suoi obiettivi attraverso negoziazioni, accordi sindacali, politica e non è intenzionato a scendere al livello della contestazione paramilitare o delle azioni militanti. Sceglie la sua strada, mentre suo fratello prende l’altra."

Cosa dici del percorso emozionale del tuo personaggio?
"Ci sono due lati di Michael: lo vediamo nella sua vita professionale, in lotta per un’esistenza migliore per lui e per i suoi colleghi. L’altra parte della sua storia riguarda l’amore e l’affetto che prova per Violetta Silvestri. L’ama, l’adora. Ma non è ricambiato. La situazione peggiora al ritorno a Belfast di Conor, suo fratello, che si è lasciato alle spalle l’eccitante vita da soldato in luoghi esotici, combattente nell’esercito inglese. Conor affascina Violetta, la seduce e gliela porta via sotto il naso, lasciando Michael a guardare da lontano."

Com’è stato recitare al fianco di attori italiani?
"Lavorare con Alessandra e Valentina è stata una grande esperienza. E’ una produzione in lingua inglese e l’inglese non è la loro madrelingua. Rispetto molto tutto il cast italiano."

Costruire questa nave è stata una grande impresa. Sei altrettanto sbalordito dalla portata di questo progetto?
La portata di questo progetto è stata impressionante. Per tutti e 12 gli episodi, ci sono stati circa 120 attori impegnati. Inoltre, un enorme numero di comparse. Per me, questo progetto è stato al livello di un grande film epico. Un’enorme impegno produttivo. Forse non comparabile alla reale costruzione del Titanic, ma quasi."

Rai.it

Siti Rai online: 847