31 anni. Viene da Catania. Cresciuto in un quartiere popolare della sua città, è stata la strada a forgiargli il carattere. Un percorso scolastico un po' travagliato il suo: si iscrive inizialmente all'Istituto Tecnico Industriale e la sera, per mantenersi, lavora come lavapiatti. Parte per il servizio di leva ed in caserma viene messo ai fornelli. Finito il militare, si diploma geometra e inizia a cercare lavoro nei ristoranti. Durante una stagione all'Isola d'Elba presso un grande albergo, comprende che la cucina è ormai una passione dirompente e sente così l'esigenza di prendere il diploma alberghiero presso l'Istituto Professionale "Giovanni Falcone" di Giarre (CT). Seguono diverse esperienze: Lago di Garda, Padova e Svizzera che lo portano per lunghi periodi lontano da Luana - la moglie con cui sta insieme da quasi 18 anni – e dai bambini: Alessio e Francesco. Attualmente, lavora come chef presso il ristorante "Spirito Di Vino" a San Gregorio di Catania, alle pendici dell'Etna. Solare e romanticone, qualcuno lo ha ribattezzato "cuoco neomelodico" perché il più delle volte ascolta e canticchia canzoni napoletane mentre prepara la linea di cucina. Ama rivisitare le ricette delle nonne in chiave moderna, utilizza prevalentemente prodotti del suo territorio ed è un cultore del pesce, dal crudo al cotto. Adora girare per il mercato storico di Catania, farsi inebriare dai profumi, sentire le urla dei venditori che conosce ormai da anni… Vulcanico per natura, dice sempre che l'Etna gli somiglia, ha l'argento vivo in corpo. Giocare a calcio gli è sempre piaciuto ma da quando è sposato si è gonfiato come un pallone! Tiene in grande considerazione il parere di Luana e la considera "assaggiatrice ufficiale" delle sue creazioni.

31 anni. Viene da Catania.

Cresciuto in un quartiere popolare della sua città, è stata la strada a forgiargli il carattere. Un percorso scolastico un po’ travagliato il suo: si iscrive inizialmente all’Istituto Tecnico Industriale e la sera, per mantenersi, lavora come lavapiatti. Parte per il servizio di leva ed in caserma viene messo ai fornelli. Finito il militare, si diploma geometra e inizia a cercare lavoro nei ristoranti. Durante una stagione all’Isola d’Elba presso un grande albergo, comprende che la cucina è ormai una passione dirompente e sente così l’esigenza di prendere il diploma alberghiero presso l’Istituto Professionale “Giovanni Falcone” di Giarre (CT). Seguono diverse esperienze: Lago di Garda, Padova e Svizzera che lo portano per lunghi periodi lontano da Luana - la moglie con cui sta insieme da quasi 18 anni – e dai bambini: Alessio e Francesco. Attualmente, lavora come chef presso il ristorante “Spirito Di Vino” a San Gregorio di Catania, alle pendici dell’Etna.

Solare e romanticone, qualcuno lo ha ribattezzato “cuoco neomelodico” perché il più delle volte ascolta e canticchia canzoni napoletane mentre prepara la linea di cucina. Ama rivisitare le ricette delle nonne in chiave moderna, utilizza prevalentemente prodotti del suo territorio ed è un cultore del pesce, dal crudo al cotto. Adora girare per il mercato storico di Catania, farsi inebriare dai profumi, sentire le urla dei venditori che conosce ormai da anni… Vulcanico per natura, dice sempre che l’Etna gli somiglia, ha l’argento vivo in corpo. Giocare a calcio gli è sempre piaciuto ma da quando è sposato si è gonfiato come un pallone! Tiene in grande considerazione il parere di Luana e la considera “assaggiatrice ufficiale” delle sue creazioni.

 

 


]]>