GazzetTinto

Carlo Cambi: la giusta spesa - le carote

Carlo Cambi

    » Segnala ad un amico

    Cuoco: CARLO CAMBI
    Rubriche: Non solo Chef

    Ingredienti:

    Procedimento:
    La CAROTA è originaria, secondo alcuni, della zona mediterranea; secondo altri, dell’estremo oriente. Sembra che fosse già conosciuta da Greci e Romani, che l’apprezzavano per le sue proprietà medicinali.Le prime notizie certe sulla diffusione della coltura risalgono, in Italia, al 1700. Nell’antichità, la carota veniva esclusivamente utilizzata come alimento per gli animali e non per scopi culinari. Le sue proprietà di favorire un alito fresco e la salute della bocca, nel tempo, le hanno poi conferito, soprattutto nella tradizione araba, il simbolo della bontà. Le carote che mangiavano i nostri antenati erano però piuttosto diverse dalle nostre, erano piccole e di colore rosso, giallo o viola. Le carote come le conosciamo vennero selezionate a partire dal diciassettesimo secolo, si pensa per opera di orticoltori olandesi che ricercarono attraverso incroci la produzione di carote di colore arancio, in omaggio alla famiglia reale d’Olanda. In Europa l’Italia è forse l’unico paese in grado di produrre carote per 12 mesi l’anno. I principali areali di coltivazione sono l’Emilia Romagna e il Veneto, il Lazio, l’Abruzzo e la Sicilia. Di norma le carote vengono commercializzate senza foglia, fatta eccezione per la produzione di carote della zona di Latina, raccolte con la foglia e commercializzate in mazzi. La proprietà della carota di procurare una bella pelle è data dalla sua ricchezza in betacarotene e provitamina A che viene trasformata dal corpo in vitamina A ed è indispensabile alla salute della pelle e alla vista. Il consumo di carote non è nocivo, tanto è che non ne è imposto alcun limite nell’assunzione. Durante la fase di cottura esse mantengono pressoché inalterata la presenza di provitamina A, a differenza della vitamina C che tende a perdersi più facilmente.  Una piccolissima porzione di carote permette di coprire il fabbisogno quotidiano di provitamina A di un adulto.