Pasquale, "Paco" per gli amici, è di Napoli e ha 28 anni; ha trascorso la sua infanzia a pasticciare con uova e farina. Quando si iscrive all'Istituto Alberghiero di Aversa (CE), si appassiona allo studio ed inizia, appena tredicenne, la sua "carriera" di giovane cuoco. La voglia di crescita professionale è il leit motiv di tutto il suo percorso. I primi approcci sono con la ristorazione tradizionale campana e la cucina delle massaie. Nel frattempo, si diploma all'Alberghiero con il massimo dei voti. In seguito, si trasferisce in Scozia per una breve ma intensa avventura con la cucina inglese. Tornato in Italia, inizia a girare, per sperimentare le differenze tra le varie cucine regionali (Riva del Garda, Arezzo, Taranto, Lago di Como). A capo di una cucina, si scontra con le difficoltà di districarsi quotidianamente tra fornitori, comande e spesa da organizzare. Quando rientra in Campania, continua ad accumulare preziose esperienze presso rinomati locali di Sorrento, Napoli e Caserta. Negli ultimi due anni, ha collaborato con il ristorante stellato "Sud" di Marianna Vitale, in veste di capo partita ai secondi e con il ristorante dell'Hotel "Radisson Blu" a Roma come capo partita agli antipasti. Ha fatto suoi il rigore, la disciplina, il gusto per la ricerca e la creatività tipici dell'alta ristorazione. Attualmente lavora come chef tournant presso il ristorante gourmet "Costanzo" di Aversa. Paco ama definire la sua cucina: "un po' pop (perché affonda le radici nella tradizione) ed un po' rock" (perché asseconda la sua vena creativa ed il suo lato estroso). Nella cucina di Paco il gusto non viene stravolto, gli accostamenti sono semplici ed i prodotti spesso poveri.

Pasquale, “Paco” per gli amici, è di Napoli e ha 28 anni; ha trascorso la sua infanzia a pasticciare con uova e farina. Quando si iscrive all'Istituto Alberghiero di Aversa (CE), si appassiona allo studio ed inizia, appena tredicenne, la sua “carriera” di giovane cuoco. La voglia di crescita professionale è il leit motiv di tutto il suo percorso. I primi approcci sono con la ristorazione tradizionale campana e la cucina delle massaie. Nel frattempo, si diploma all’Alberghiero con il massimo dei voti.

In seguito, si trasferisce in Scozia per una breve ma intensa avventura con la cucina inglese. Tornato in Italia, inizia a girare, per sperimentare le differenze tra le varie cucine regionali (Riva del Garda, Arezzo, Taranto, Lago di Como). A capo di una cucina, si scontra con le difficoltà di districarsi quotidianamente tra fornitori, comande e spesa da organizzare. Quando rientra in Campania, continua ad accumulare preziose esperienze presso rinomati locali di Sorrento, Napoli e Caserta.

Negli ultimi due anni, ha collaborato con il ristorante stellato “Sud” di Marianna Vitale, in veste di capo partita ai secondi e con il ristorante dell’Hotel “Radisson Blu” a Roma come capo partita agli antipasti.

Ha fatto suoi il rigore, la disciplina, il gusto per la ricerca e la creatività tipici dell’alta ristorazione. Attualmente lavora come chef tournant presso il ristorante gourmet “Costanzo” di Aversa.

Paco ama definire la sua cucina: “un po’ pop (perché affonda le radici nella tradizione) ed un po’ rock” (perché asseconda la sua vena creativa ed il suo lato estroso). Nella cucina di Paco il gusto non viene stravolto, gli accostamenti sono semplici ed i prodotti spesso poveri. 

]]>