radio3

Forlì - 10 giugno

Tre soldi

La Candelora dei Femminielli, tra sacro e profano


La Candelora dei Femminielli, tra sacro e profano
di Mariano Di Nardo e Florinda Fiamma

Quella alla Madonna di Montevergine è una delle devozioni più sentite della Campania. E il 2 febbraio, giorno della Candelora, proprio alla Madonna nera è dedicata la processione che sale in cima al santuario sul Monte Partenio in provincia di Avellino. Un santuario eretto dove sorgeva un antico tempio dedicato alla dea Cibele, circostanza questa che lo rende un luogo di sincretismo religioso e pagano.
Attraverso le voci di femminielli e devoti raccontiamo questa storia che inizia nel 1200 con un episodio leggendario che ha reso questa Madonna, detta anche Mamma Schiavona, la protettrice dei femminielli, quelle figure tipicamente partenopee di uomini che vivono e sentono come donne. E sono proprio i femminielli insieme a tutto l’universo LGBT ad animare da anni questa processione con canti, danze, tammorriate e invocazioni alla Madonna. Montevergine diventa così un luogo di incontri e riconciliazioni, antico e moderno, sacro e profano, uomo e donna.

 

Vai al sito >>