GazzetTinto

[an error occurred while processing this directive]

Pappardelle con uva e faraona

La cucina della pasta fresca Antonella cucina con Alessandra Spisni

    » Segnala ad un amico

    Rubriche: Le Maestre di Cucina
    Tipologia: Primi Piatti
    Tempo di preparazione: 1 ora
    Difficoltà: Difficile
    Cuoco: ALESSANDRA SPISNI

    Ingredienti: Ingredienti per 4 persone: 4 uova 400g. di farina Un posteriore di faraona Un gambo di sedano Una carota grossa Una cipolla grossa Un cucchiaio di strutto Un grappolo di uva Italia Un bicchiere di vino rosso robusto Sale e pepe macinati Un trito di prezzemolo e salvia Grana grattugiato q.b.

    Procedimento:
    Impastare e tirare la sfoglia. Confezionare le pappardelle e farle asciugare a nido.
    Pulire, bruciacchiando i peli e raschiando la pelle, la faraona lavare accuratamente e togliere la pelle che verrà tagliata a striscioline sottili e messa da parte: Disossare la faraona e mettere le ossa in una pentola con acqua fredda, sale grosso, mezza carota, mezzo sedano e mezza cipolla.
    Portare a bollore ed abbassare la fiamma al minimo, proseguire la cottura per quanto più è possibile, fino a ricavare un brodo di faraona. Pulire e tritare grossolanamente gli odori rimasti: sedano,carota e cipolla, lavare l’uva e sgranare  gli acini, tagliare a cubetti piccoli la carne di faraona. In un tegame dai bordi alti,soffriggere nello strutto le striscioline di pelle di faraona fino a renderle croccanti, unire sedano,carota e cipolla e proseguire la cottura per qualche minuto. Aggiungere la carne, salare e pepare, sempre mescolando. Appena rosolata la carne, sfumare con il vino rosso, lasciare evaporare a fiamma vivace e, quando non si sentirà più l’odore dell’alcool, aggiungere il trito di erbe aromatiche, se occorresse aggiungere mezzo bicchiere di acqua e gli acini dell’uva, coprire con un coperchio e terminare la cottura pochissimi minuti poi spegnere e lasciare riposare coperto. Togliere dalla pentola, le ossa di faraona,e gli odori, aggiustare il “brodo” con acqua e sale, come e se occorre, cuocere le pappardelle nel “brodo” e una volta scolate, condirle con la salsa di faraona e uva. Servire con accompagnamento di abbondante parmigiano grattugiato.