LogoEditoreMinisito_Rai.itLogoEditoreMinisito_RaiTv_2012
Parchi Nazionali
Un patrimonio dal valore inestimabile non solo per flora e fauna, ma anche per architettura, arte, tradizioni popolari, artigianato ed enogastronomia. Uno strumento fondamentale per la tutela, la conservazione e la promozione del nostro paese. Impara a conoscere l’Italia più bella

>>Per saperne di più
Aree Marine Protette
Il mare protetto italiano, un patrimonio incredibile per ricchezza e varietà di specie animali, vegetali e testimonianze archeologiche, storiche e architettoniche. Scopri cosa sono e dove sono le Aree Marine Protette italiane

>> Per saperne di più
Agire per l'ambiente
Immissione di gas serra in atmosfera, deforestazione, inquinamento, allarme energetico: sono alcuni dei tanti fattori che stanno mettendo a serio rischio la conservazione del pianeta; temi attuali che rappresentano le grandi sfide dell’ecologia e che necessitano, oggi più che mai, di una soluzione.

>> Per saperne di più
Stili di vita ecocompatibili
L’amore per la natura si vede anche nei piccoli gesti quotidiani. Le nostre scelte di vita infatti possono avere un impatto notevole sull’ambiente senza che noi ne siamo consapevoli. Quali sono allora le scelte “giuste” e ispirate ad uno stile di vita in armonia con l'ambiente?

>> Per saperne di più

Parco Nazionale delle Cinque Terre

    » Segnala ad un amico
    • Regione: LIGURIA
    • Provincia: La Spezia
    • Comuni: 5
    • Estensione: 4.226 ettari terrestri e 2.780 ettari marini
    • Istituzione
    • Ente gestore: Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre

    Questo tratto della riviera ligure di Levante racchiude una porzione di territorio dove, nell’arco di un millennio, l’ambiente naturale è stato fortemente modellato dall’uomo, ma in maniera non distruttiva; il terreno scosceso è stato colonizzato e reso coltivabile da centinaia di terrazzamenti e di imbrigliamenti con muretti a secco, la cui manutenzione è sola garanzia di continuità dei caratteri originari di tutto il territorio.

    Il valore dell'area è stato riconosciuto anche nel nostro paese con l'istituzione, a breve distanza uno dall'altra, di un parco nazionale e di un'area marina protetta, la cui attività congiunta potrebbe consentire una protezione integrata dell'intera zona. Le Cinque Terre offrono un paesaggio unico al mondo: mare, macchia mediterranea, garighe e foreste si fondono in un tutto armonico con gli oliveti e le vigne che l’uomo, ha qui, con fatica realizzato.

    Caratteristiche e funzionalmente inserite nel paesaggio anche le piccole “ferrovie” a scartamento ridottissimo che collegano i vari livelli e le diverse quote dei coltivi. Seguendo uno dei tanti sentieri che attraversano questo territorio si passa dalle spiagge e dalle rupi più vicine al mare, dove vegetano le piante alofile, alla macchia bassa, ricca di fiori e di piante aromatiche. Qui troviamo le euforbie, il mirto, il lentisco, i cisti, il timo, il rosmarino, la salvia, le ginestre, l'Erica è, più oltre, una macchia mista a leccio con pino d'Aleppo, una vera rarità. In certe zone cresce perfino la sughera, nascosta dalle pinete piantate dall'uomo per sostituire i boschi un tempo.

    Ma per quanto ci si soffermi sui colori di fiori e delle piante aromatiche, è impossibile impedire che lo sguardo ritorni sempre al mare, che fa spettacolo sia quando è calmo sia quando è agitato e rende l'aria salmastra mentre le onde si frangono rumorosamente contro la costa imbiancandola di schiuma bianca. Le alte scogliere, scolpite dal vento e dal mare, sprofondano in acque ricchissime sotto il profilo biologico: dalle patelle, gli anemoni, le attinie, le stelle marine, le spugne, i ricci e i polpi, all’incredibile varietà di pesci che vivono tra vere e proprie foreste di posidonia. Le falesie continuano sotto la superficie fino a 15-18 metri di profondità prima di lasciare il posto a sabbie o fondi a ciottoli, una stranezza delle cinque terre, oppure a grandi massi isolati o a un nuovo gradino di roccia.

    Le ripide pareti di punta Mesco, la zona più prezioso dell'area protetta, ospita la non comune Gerardia Savaglia, più nota come corallo nero, oltre a numerose colonie di gorgonie rosse che qui, si insediano già a partire da 15-20 m di profondità insieme ad altre specie amanti della penombra. Quando l'acqua è placida e limpida, dall'alto dei in belvedere che si affacciano sul mare si può tentare di leggere il fondale delle cinque terre. Numerosi gli uccelli migratori del litorale. Ma il patrimonio ornitologico è ricco anche sulla terraferma: dagli uccelli più comuni ai rapaci come il falco pellegrino e strigiformi come la civetta e il piccolo assiolo. Tra i castagneti e le foreste si trovano poi cinghiali, donnole, faine, ricci, ghiri e topi quercini. I cinque borghi che hanno dato nome alla regione (Monterosso, Vernazza, Riomaggiore, Corniglia e Manarola) sono veramente incantevoli e sorgono incastonati tra le rocce di promontori a picco sul mare: da ricordare il famoso “sentiero dell’amore” che da Menarola conduce a Riomaggiore.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847