Omaggio a Lorin Maazel

Rai Classica ricorda Lorin Maazel con una selezione di contenuti dagli archivi di Rai.tv

Maazel a cinque anni ha iniziato a studiare violino e a sette direzione d'orchestra. La svolta della sua vita è nel 1941 quando a soli 11 anni , è stato invitato dal 'titano' dell'epoca, Arturo Toscanini, alla NBC Symphony Orchestra (sono rimaste famose le parole "God bless you" pronunciate dal Maestro italiano dopo averlo ascoltato) e nel 1942, dodicenne, alla New York Philharmonic. Entro i quindici anni, aveva già diretto la maggior parte delle più importanti orchestre americane.
Come alcuni geni della musica aveva una formazione culturale non limitata al suo settore di specializzazione. All'università di Pittsburgh ha studiato lingue, matematica e filosofia mentre era anche attivo come violinista nella Pittsburgh Symphony Orchestra e svolgeva l'apprendistato di direttore (1949-1950) e organizzava l'attività del quartetto Fine Arts Quartet.
Nel 1951 arriva in Italia tramite una borsa di studio per approfondire la conoscenza della musica barocca in Italia. Due anni dopo l'esordio europeo nel 1953 alla guida dell'orchestra del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania.
Nel 1955 è alla Scala dove dirige un concerto con Aldo Ciccolini; nel 1957 l'incontro con il pianista italiano più celebre, Arturo Benedetti Michelangeli.
Da lì la sua carriera prosegue in un crescendo inarrestabile.

Il maestro si era ritirato da poco: il 12 Giugno 2014, in un comunicato della stessa Munich Philharmonic, viene annunciata l'intenzione di Maazel di ritirarsi per motivi di salute.

Ha ricevuto dieci Grand Prix du Disque Awards e tra le numerose onorificenze si ricordano la Legion d'Onore francese e il titolo di Ambasciatore di Buona Volontà dell'Onu. Personaggio tra i più conosciuti e apprezzati del panorama musicale attuale, parlava perfettamente francese, tedesco, italiano.

persone

TG1 Persone: Lorin Maazel "L'Italia mi ha dato tutto". La puntata del 23 novembre 2010 dedicata al maestro francostatunitense.

fazio Lorin Maazel a Che Tempo che fa. L'intervista di Fabio Facio al al celebre direttore d’orchestra, violinista e musicista multiforme apprezzato in tutto il mondo
rai.tv  “Lamento per Yitzhak” un requiem ebraico dedicato a Rabin, primo ministro israeliano e premio Nobel per la pace, assassinato nel 1995, del compositore Dov Seltzer. Qui l'intervista al compositore e a Lorin Maazel, direttore del concerto all’Auditorium di Roma.
radio3suite

Radio 3 Suite - Cosa significa ascoltare il ritmo? A confronto l'interpretazione di Lorin Maazel con quelle di Adolf Busch e Giovanni Antonini nel primo Concerto brandeburghese di Bach.

L'intervista del Tg1 a Maazel ripercorre le incredibili tappe di una carriera luminosissima: l'esordio da autentico bambino prodigio, la prima direzione a 8 anni, l'invito del grande Toscanini sul podio della NBC Orchestra quando era appena un adolescente.



Rai.it

Siti Rai online: 847