Scatti di scena

Paolo Nori

    » Segnala ad un amico

    Mi chiamo Paolo Nori, sono nato a Parma nel 1963, abito a Casalecchio di Reno e scrivo dei libri.

    Paolo Nori (Parma 1963) ha pubblicato Le cose non sono le cose (Fernandel 1999, DeriveApprodi 2009), Bassotuba non c’è (DeriveApprodi 1999, Einaudi 2000, Feltrinelli 2009), Spinoza (Einaudi 2000), Diavoli (Einaudi 2001), Grandi ustionati (Einaudi 2001), Si chiama Francesca, questo romanzo (Einaudi 2002), Gli scarti (Feltrinelli, 2003), Pancetta (Feltrinelli, 2004), Ente nazionale della cinematografia popolare (Feltrinelli, 2005) I quattro cani di Pavlov (Bompiani, 2006), Noi la farem vendetta (Feltrinelli, 2006), La vergogna delle scarpe nuove (Bompiani, 2007), Siam poi gente delicata (Laterza, 2007), Mi compro una Gilera (Feltrinelli, 2008), Pubblici discorsi (Quodlibet, 2008), Baltica 9 (Laterza 2008 – con Daniele Benati), I malcontenti (Einaudi 2010), A Bologna le bici erano come i cani (Ediciclo 2010), La meravigliosa utilità del filo a piombo (Marcos y Marcos 2011) e, insieme a Andrea Bajani, Michela Murgia e Giorgio Vasta, Presente (Einaudi 2012, insieme a Andrea Bajani, Michela Murgia e Giorgio Vasta) e Tredici favole belle e una brutta (Rizzoli 2012, illustrazioni di Yocci).

    Ha tradotto e curato l’antologia degli scritti di Daniil Charms Disastri (Einaudi 2003, Marcos y Marcos 2011), l’edizione dei classici di Feltrinelli di Un eroe dei nostri tempi di Lermontov, delle Umili prose di Puškin, delle Anime morte di Gogol’, di Padri e figli di Turgenev e di Oblomov, di Gončarov, l’antologia di Velimir Chlebnikov 47 poesie facili e una difficile (Quodlibet), l’edizione, per Voland, del Chadži-Murat di Tolstoj e delle Memorie del sottosuolo di Dostoevskij e è autore, insieme a Marco Raffaini, di una Storia della Russia e dell’Italia (Fernandel, 2003).

    Ha curato il numero di Panta Emilia fisica (Bompiani, 2006), è stato tra i redattori del settemestrale di letteratura comparata al nulla L’accalappiacani (DeriveApprodi, 2008).

    Ha scritto e interpretato la commedia Lunga, la strada, per la regia di Gigi Dall’Aglio (2007), nonché diversi spettacoli fondati sulla lettura (uno dei quali Learco, con Fabio Bonvicini, è diventato un cd audio per Luca Sossella editore, 2003), che sono andati in scena in diversi teatri italiani dal Teatro Argentina di Roma (con I Bogoncelli), al teatro Mercadante di Napoli (Lunga, la strada), al teatro Valli di Reggio Emilia (Quel canchero di Majakovskij, con Umberto Petrin), alle Papesse di Siena (Musica adeguata, con Marco Raffaini), al festival GNAM di Parma (I libri devono essere magri, con Giuliano Della Casa), alla Palazzina liberty di Milano (Noi e i governi, con le mondine di Novi).

    Rai.it

    Siti Rai online: 847