GazzetTinto

Le fragole

Bigazzi: la conoscenza fa la differenza

    » Segnala ad un amico

    Ingredienti:

    Procedimento:
    Quelle che vedete qui sul tavolo sono fragole coltivate in serra. Non c’è nessuna garanzia che siano esenti da trattamenti chimici. Nel senso che non sono confezionate in vaschette sigillate con l’indicazione di “Biologiche” e questo  non meraviglia perché la stagione non è ancora avviata, ma lo sarà  fra qualche giorno. La fragola sotto il profilo del sapore, degli aromi e dell’aspetto è un frutto eccellente, bello, profumato e buono. Se sono fragole spontanee  che sono coltivate o si trovano in alcuni specifici luoghi  sono anche sane, e non uno strumento per invadere l’organismo con chimica dannosa. Questo pericolo è sempre presente con le fragole, perché non hanno una buccia resistente come altri frutti.  Se la si guarda attentamente  con una lente si può notare  che è come una carta assorbente che beve  ogni cosa che le cade sopra. Perciò,  quando fra qualche giorno arriveranno quelle di piena terra, e non di serra, o cchio che provengano da agricoltura biologica o che siano spontanee. Come abbiamo detto sopra, le fragole  non si sbucciano e a mio modo di vedere  lavandole otteniamo solo una fragola meno saporita, profumata e più pesante perché assorbe l’acqua del lavaggio. Ma come si lavano? Se sono in vaschetta si leva il picciolo,  si tagliano e ci si versa sopra il limone o aceto balsamico tradizionale di Modena o Reggio Emilia o dell’ottimo aceto di vino o dell’aspretto (aceto di fragole  o altre frutti). Conviene farle qualche attimo prima e girarle per lasciarle   amalgamare bene con il liquido che abbiamo messo. E lo zucchero? Chi ha detto che ci deve essere lo zucchero? La fragola è dolce di suo e comunque se volete dolcificarle usate uno zucchero integrale di canna. E la panna?  Purchè sia panna di eccellente latte, montata al momento, altrimenti lasciamola agli inglesi che ne vanno pazzi (i quali però hanno la fortuna la panna di vacche Surrey che danno un latte straordinario). C’è chi mangia il gelato di fragole o le fragole col gelato: mi permetto di dire che in Italia conosco non più  di 10 gelatai artigianali che fanno il gelato partendo dal frutto. Generalmente si parte dal semilavorato che mi lascia perplesso….Comunque mangiandole,  l’organismo godrà di vitamine e altri nutrienti veramente eccellenti.