Radio2 RADIO2 LIVE

Schif Parade

I cibi che creano dipendenza

Colore di sale

Gli scarti da non scartare

Angostura

Lo avrete sentito nominare dal vostro barman di fiducia o visto nelle ricette di cocktail: ma che cos’è esattamente l’Angostura?

Si tratta di un amaro o Bitter, cioè un liquido fatto a partire da estratti di erbe, radici, foglie e frutti dissolti in alcol. Nel caso dell’angostura le droghe (intese come sostanze aromatiche per insaporire cibi) principali sono: chiodi di garofano, radice di genziana, cardamomo, essenza di arance amare e china in una miscela alcolica al 44.7%

La storia dietro questa bevanda affonda le radici in America Meridionale. 

La sua invenzione si deve al dottor Johann Siegert, medico militare prussiano ingaggiato nell'Armata di Liberazione di Simon Bolivar, il fondatore dello stato del Venezuela. Il dottor Siegert curava i soldati colpiti da febbre e problemi intestinali. Dopo 4 anni di ricerche e di analisi delle virtù delle piante tropicali, sviluppò nel 1824 il suo "bitter" (amaro) per stimolare l'appetito e la digestione dei soldati ammalati.

Il nome deriva proprio dalla città Angostura dove si era installato il dr Siegert (dal 1846 ribattezzata Ciudad Bolívar in Venezuela). All'epoca era già un porto commerciale importante visitato da navi di tutto il mondo.

I marinai sofferenti di malanni dovuti alle lunghe navigazioni si curavano con il "bitter" e ne portavano con loro durante il viaggio di ritorno, facendo conoscere quindi l'angostura in tutto il mondo.

COCKTAIL CON L'ANGOSTURA: Old Fashioned, Manhattan  

L’ANGOSTURA IN CUCINA: si sposa benissimo con i crostacei e i pesci grassi per il suo aroma molto speziato e agrumato, il suo sapore amarognolo. Bastano 2 gocce per dare una nota interessante e curiosa al piatto. Ottimo sul gelato alla crema.

Rai.it

Siti Rai online: 847