10 febbraio, la Giornata del Ricordo

 

GIORNO DEL RICORDO  – anno 2016 

 

Ormai il passaparola era sempre lo stesso nella popolazione fiumana che doveva subire l’odio e il terrore dell’OZNA: “Non c’è più vita qui. Bisogna andare in Italia. Ma come?”

E quella gente perseguitata trovò anche il modo di come fuggire da quell’inferno sia clandestinamente che con le Carte d’Identità per Trieste o le Prospunize, equivalenti al Foglio di via obbligatorio per i pocodibuono e dal 1947 con le opzioni.

Lasciarono le loro case.

Quelli della Cittavecchia le loro catapecchie; quelli di Abbazia le loro ville oggi miliardarie per venire ospiti di 109 Centri di Raccolta Profughi ringraziando il Signore di aver salvato la pelle e respirato la libertà.

Non immaginavano che la Patria amata avrebbe usato arbitrariamente le loro sostanze abbandonate a Fiume per pagare i debiti di guerra imposti dal Trattato di Pace.

Morirono – con l’ultimo pensiero rivolto alla città perduta - aspettando invano il maltolto che oggi sfiora i tre miliardi di Euro.

 

rudi decleva, profugo da Fiume 

 

Sussisa, 10 Febbraio 2016

Rai.it

Siti Rai online: 847