Logo Rai3

Aspettando la fase finale

Puntate integrali

STEFANO TRUCCO

LA STORIA: Ugo Tognazzi

LA STORIA: Ugo Tognazzi

Ospite: Steve Della Casa

Tema: “Dal comico al drammatico, e sono sempre io. Cosa mi rende un italiano esemplare


Forse non dovrei essere io a parlare di Ugo Tognazzi, se penso a quanto ho odiato Amici Miei. Io sono Bernard Blier, io sono quello in treno che prende gli schiaffi.

Eppure mi illudo che Tognazzi stesso, negli ultimi anni, quando il morente cinema italiano non gli offrì più le parti di cui si sentiva degno, quando sempre più spesso provò il freddo umido della depressione, se ne vergognasse. Del Vizietto non mette conto parlare – eppure sono questi i film per cui è ricordato, purtroppo.

Ne era valsa la pena? Incrociando gli occhi diventava un perfetto idiota: bastava, funzionava, la gente rideva – ma poi sapeva fare molto di più, quasi tutto, eccetto morire, non lo sopportava. Volle diventare un attore completo e ci riuscì, convinse tutti, critici e pubblico. Poi, non per colpa sua, la Supercazzola. Il Petomane. Tornò in tivù, al ribasso, in fiction modeste. Ora lo ricordano per cose che forse disprezzava; io ricordo il giudice di In nome del popolo italiano e vorrei chiedergli scusa.