Radio2 RADIO2 LIVE

Schif Parade

I cibi che creano dipendenza

Colore di sale

Gli scarti da non scartare

Come riconoscere un buon ristorante solo leggendo il menu

Come riconoscere un ottimo ristorante dal menu

Un critico gastronomico anglosassone ha svelato al The Guardian come riconoscere gli indizi prima ancora di varcare la porta di un ristorante. L'autore mantiene l'anonimato ma ha spiegato che grazie ad anni e anni di test e degustazioni, per lavoro e per passione, spaziando dagli stellati alle trattorie e agli etnici, oggi può fornirci molte dritte.

1) Stagionalità: un'ottima cucina è fatta con ciò che si trova al suo picco di maturazione. Prediligere ristoranti che scelgono di lavorare con prodotti di stagione offre qualche garanzia in più. Se non altro chi lo gestisce dimostra di essere attento a ciò che lo circonda

2) Lo stile della lista: uno stile curatissimo, trendy, arzigogolato tradisce spesso un'eccessiva attenzione alla forma, piuttosto che al contenuto, quando invece un elenco semplice, anche un semplice foglio A4 scritto a mano e plastificato, indica non trascuratezza ma la volontà di cambiare il menù in base ai prodotti disponibili.

3)Il linguaggio: se nel menù c'è un eccesso di definizioni come: "crumble", "nel suo letto di", "su crema di",  "vestito di può essere indizio di scarsa qualità, gonfiata con eufemismi che servono solo a cercare di giustificare il prezzo della portata.

4)Altri luoghi comuni-campanelli d'allarme: crostini con brie, eccesso glasse all’aceto balsamico, riduzioni e salse, salmone con panatura  a base di qualsiasi cosa, gamberoni e capesante a basso prezzo, funghi all'aglio. Tutte potenziali trappole acchiappa-cliente

5) Se la carta è troppo varia e lunga è un male. Meno piatti una cucina deve preparare più cura ci metterà. Un menu compatto, di circa 20 portate, è l'ideale. Inoltre come possiamo pensare che un semplice ristorante possa essere ferrato e offrire dalla pizza, al sushi agli involtini primavera mantenendo sempre un buon livello?

6) materia prima: se in carta ci sono materie prime particolari e locali che si ripresentano nella lista sotto varie forme (per esempio, per la carne il filetto, il carpaccio, il ragù, le polpette, il bollito...e così via) significa che la cucina è capace di preparare e cucinare con cognizione di causa la materia prima

7) Tutta la selvaggina e prodotti rari e costosi richiedono un'alta competenza per evitare sprechi ed esaltare tutti i tagli: sì quindi a anatra, cervo, quaglia, piccione, ma anche triglie e pesce San Pietro (o ai ristoranti dove sanno cucinare anche questi prodotti)

8) lo facciamo già tutti, ma googlare qui significa non andare semplicemente su TripAdvisor. Se tutti gli indizi dicono che il ristorante potrebbe essere una buona scelta allora ci sono ottime probabilità.

9) Un all you can eat, che non cambia mai menu tutto l'anno e offre una varietà incredibile di piatti per una cifra bassissima, non è mai garanzia di qualità del cibo.

 

Rai.it

Siti Rai online: 847