Ascolta la diretta di

CONTATTA
RADIOFD5 VIA SMS 347 0142371
    VISUALIZZA GLI ALTRI SMS
    Iscriviti

    Frequenze

    Come ricevere radiofd5

    Radiofd5 può essere ricevuta:

    - via web (cliccando sul link in questa pagina)
    - con un normale televisore  digitale (DTT),
    - con una Radio Digitale (DAB+), con un ricevitore satellitare (è tra i canali gratuiti),
    - tramite Filodiffusione analogica Telecom,
    - tramite Modulazione di Frequenza,
    - tramite la APP di RadioRai per smartphone

    Segnali di test

    Per consentire agli amanti della musica di verificare il livello di qualità dei loro apparati, ogni mercoledì alle ore 12:00 vengono diffusi , per due minuti, segnali campione. Osservazioni possono essere inviate a filodiffusione@rai.it

    Radio digitale (DAB+)

    Radiofd5 può essere ricevuta con i nuovi radioricevitori digitali nelle zone già raggiunte dal servizio DAB+ a 64 kBit/s.

    Sul  DAB+ è disponibile anche l'Electronic Program Guide (EPG) che fornisce informazioni su quanto viene trasmesso in quel momento (autore e titolo; per informazioni sui contenuti artistiche e chiarimenti scrivere a filodiffusione@rai.it).

    Per informazioni sulle aree dove è già presente il servizio DAB+, segnalare problemi e altro, si può contattare il call center di Raiway all’800 111 555, scrivere a raiway@rai.it o consultare le pagine del sito www.raiway.it. Per informazioni sull’area di copertura DAB+ clicca qui.

     

    Digital Terrestrial  Television (DTT)

    Radiofd5 è trasmessa sulla DTT, nel Mux2 della Rai. In tabella i codici PID.

    Al momento su Radiofd5  l'EPG non è disponibile.

    Se non si riesce a trovare, o  ascoltare, Radiofd5  si può contattare il call center di Raiway all’800 111 555, scrivere a raiway@rai.it o consultare le pagine del sito www.raiway.it. Per  conoscere le frequenze del DTT clikkare qui.

     Satellite

    Radiofd5 è trasmessa via satellite. Al momento  l'EPG non è disponibile.

    Se non si riesce a trovarla tra le centinaia disponibili , o ad ascoltarla, si può contattare il call center di Raiway all'800 111 555, scrivere a raiway@rai.it o consultare le pagine del sito www.raiway.it. Per conoscere l'elenco programmi cliccare qui. Per sapere come puntare la parabola cliccare qui.

     Modulazione di Frequenza

    Radiofd5 è trasmessa (salvo interruzioni eccezionali per esigenze di pubblica utilità) sui Canali Metropolitani (MF4) in  cinque  capoluoghi italiani:

    Ancona sulla frequenza portante di 106,00 MHz.

    Milano sulla frequenza portante di 102,20 MHz.

    Napoli sulla frequenza portante di 103,90 MHz.

    Roma sulla frequenza portante di 100,30 MHz.

    Torino sulla frequenza portante di 101,80 MHz.

    Non sono previsti ampliamenti del servizio, anche per la prevista rapida estensione della copertura della Radio Digitale, ben maggiore di queste cinque città.
    Su questi canali FM il segnale è volutamente "non" soggetto a compressione dell'audio (come è ormai uso costante in tutte le radio per accrescere la "sensazione sonora" senza aumentare la potenza irradiata dai trasmettitori circolari), al fine di mantenere elevata la dinamica, quindi il livello sonoro può variare molto da un minimo a un massimo per rispettare le scelte (pianissimo, fortissimo, ecc.) del compositore.  Questo però comporta che durante la trasmissione di musica a livello originario basso, all'ascolto il segnale sembri "più debole" e "più rumoroso" di quello di altre emittenti.
    L'unica soluzione è dotarsi di un ricevitore radio di elevata qualità tecnica collegato possibilmente ad una buona antenna (in moltissimi casi è sufficiente un filo sufficientemente lungo, anche posto all'esterno); l'amplissima disponibilità di canali FM ad elevata potenza irradiata ha fatto "dimenticare" che anche le Radio usano una antenna proprio come i televisori (l'antenna c'è sempre,  dentro il ricevitore, ma a volte necessita l'antenna esterna).

     Filodiffusione analogica

    Radiofd5 è il nuovo nome del canale trasmesso sullo  storico V Canale della Filodiffusione Rai (il programma si chiama Auditorium). Tutti gli abbonati Telecom hanno potuto e possono, da più di 50 anni, ricevere sui fili del telefono il servizio della Filodiffusione Analogica. Stipulando  un abbonamento con Telecom  (costo circa 3 euro l’allaccio,  circa 2 euro l’anno di abbonamento)  e disponendo di un Filodiffusore si possono ascoltare  i cinque canali della Filodiffusione: FD I, FD II, FD III, FD IV e FD V (il canale FD VI viene oggi usato per realizzare la sterofonia del canale FD V; fornisce il segnale differenza L-R).

    La  Filodiffusione analogica offre diversi vantaggi:

    - a differenza dell’ascolto web, che può essere realizzato solo su un PC, è possibile collegare un Filodiffusore diverso ad ogni presa telefonica, ed ogni Filodiffusore può ascoltare un canale diverso.

    - i Filodiffusori costano pochissimo, usando una tecnologia analogica non diventano mai obsoleti

    - per collegare una ulteriore presa è sufficiente collegare un doppino di rame in parallelo: niente hub, router, LAN, extender e altri apparecchi digitali costosi, complessi da collegare, e  che diventano rapidamente obsoleti

    - i Filodiffusori sono semplici da usare, e in genere hanno dei tasti meccanici, quindi possono essere usati facilmente anche da anziani e non vedenti

    -  il segnale non è digitalmente compresso, e se si dispone di un riproduttore di alta qualità la differenza è udibile poiché non vi è perdita di contenuti.

    ma ha anche qualche svantaggio:

    - la qualità audio dipende dalla qualità di tutti i circuiti elettronici “a monte”, che debbono essere mantenuti in buone condizioni, possono quindi aversi rumore, distorsioni, intermodulazioni che possono essere corrette solo telefonando al 187 di Telecom che attiverà il personale tecnico per un intervento

    - è incompatibile con il servizio   ADSL di Telecom per la connessione a Internet

    - il numero di canali è limitato a cinque, di cui uno solo stereofonico.

    - è disponibile solo nei capoluoghi di provincia, e non in tutte le centrali Telecom

    - è disponibile solo entro circa 7 km dalla centrale Telecom. 

    Qualche informazione sulla  tecnica della trasmissione su rete telefonica analogica

    "La Filodiffusione consiste nel trasmettere dei segnali acustici da un impianto trasmittente a diversi impianti riceventi per mezzo di radio onde convogliate da una rete di fili che esiste ormai in ogni città e che costituisce la rete telefonica urbana. I trasmettitori della Filodiffusione funzionano nella banda delle onde lunghe e, per ascoltare i programmi, occorre ricorrere a un apparecchio ricevente che venga collegato al filtro inserito all'arrivo della linea telefonica e utilizzare un apposito adattatore-rivelatore già provvisto di tasti per la ricezione dei 6 canali della Filodiffusione." (Radiocorriere TV, Torino, Dicembre 1958)

    La Filodiffusione è nata per trasferire all'ascoltatore, quando la larghezza di banda radiofonica era di 4.500 Hz, la qualità musicale resa disponibile dalle registrazioni con larghezza di banda di 15.000 Hz, e in stereofonia. Il segnale prodotto dalla Rai viene inviato a degli amplificatori posti nelle centrali Telecom, il segnale proveniente dall'uscita degli amplificatori RAI entra insieme al segnale di centrale (blocchetto orizzontale) in un filtro di centrale, installato su un telaio al permutatore telefonico, con differente rapporto di trasformazione in relazione alla distanza dell'utente in modo da garantire il giusto livello di segnale al ricevitore. E' prevista per il segnale una attenuazione massima su doppino di 41dB per garantire alla presa utente un segnale con livello compreso tra i 10 e i 20 mV.

    Analogamente a quanto avviene ora per l'ADSL, presso il cliente c'è un altro filtro (distribuito sulle prese) che separa il segnale fonia dal segnale di filodiffusione; ha le stesse connessioni (può però essere diverso il tipo di connettore) dei filtri ADSL in commercio; notare che i filtri ADSL  svolgono la stessa funzioen di quelli FD: separare il segnale telefonico da quello aggiuntivo.

    La Filodiffusione analogica impiega la parte superiore dello spettro disponibile sul doppino telefonico nel tratto centrale-utente. Il segnale dei primi 4 canali è mono e viene trasmesso in banda laterale doppia. I canali 5 e 6 sono trasmessi in modulazione d'ampiezza, banda laterale doppia, e trasportano il canale destro e sinistra del canale detto Filodiffusione 5, che è così stereofonico. Il 5 trasporta la somma dei due segali, il 6 la differenza.

    Con il trascorrere del tempo i programmi della Filodiffusione di musica leggera (FD4) e musica classica (FD 5-6) sono stati distribuiti anche tramite gli altri canali sopra descritti.

    La tecnica della trasmissione su rete telefonica analogica

    L’orografia di Svizzera e Italia rende costoso garantire una copertura elettromagnetica adeguata con le trasmissioni radiofoniche su tutto il territorio. Per questo motivo nacque in Svizzera nel 1931 la Filodiffusione in bassa frequenza (su rete telefonica) denominata NF – TR (Niederfrequenz-Telefonrundspruch). Il segnale veniva inviato direttamente in linea, con banda 50 – 7.000 Hz; erano disponibili sei canali e la scelta era fatta tramite un apposito tasto sull’apparecchio telefonico.

    Nello schema NF-TR un selettore di programma allocato nella Centrale Telefonica era direttamente comandato da un tasto posto sul Filodiffusore in casa dell’abbonato; sul selettore in Centrale una posizione, tra un segnale e l’altro, era vuota per ridurre errori e interferenze e quindi occorreva premere il tasto due volte per cambiare canale. Per ridurre le interferenze i comandi venivano mandati tra il filo b e la terra. La tensione ai capi del Filodiffusore era funzione della lunghezza della linea, e a volte si interponeva un trasformatore per innalzarla a livelli adeguati; era comunque necessario presso l’utente un amplificatore per ottenere una potenza elettrica adeguata. Durante le telefonate però la Filodiffusione veniva interrotta automaticamente dal relé TR.Il sistema NF-TR fu gradualmente abbandonato e cessò in Svizzera nel 1960; venti anni dopo l’introduzione dell’HF-TR.

    Nel 1940 viene introdotto il sistema ad Alta Frequenza HF-TR (Hochfrequenz-Telefonrundspruch), che si usa ancora oggi in Italia e offre numerosi vantaggi rispetto all’NT-TR. Innanzitutto non é più necessario interrompere l’ascolto della Filodiffusione durante le telefonate, inoltre é possibile ricevere il segnale tramite un normale ricevitore radio per Onde Lunghe (OL). Infatti il segnale in bassa frequenza (BF) modula in ampiezza (AM) una portante a frequenza ben definita. Le frequenze portanti impiegate in Svizzera erano di 175, 208,241, 274,307 e 340 kHz.

    Il filtro di Filodiffusione adatta il ricevitore ai 600 Ω di impedenza della linea telefonica; il segnale viene demodulato tramite un sintonizzatore in OL a sintonia variabile con continuità o tramite tasti. Pertanto i famosi, e introvabili,  “ricevitori per Filodiffusione” sono semplicemente dei sintonizzatori in Onda Lunga con sei frequenze già preselezionate.

    La Filodiffusione in Italia è nata nel 1958 soprattutto per trasferire all'ascoltatore, quando la larghezza di banda radiofonica era di soli 4.500 Hz in Onda Media, la qualità musicale resa disponibile dalle registrazioni con larghezza di banda di 15.000 Hz, e in stereofonia. Anche in Italia sono disponibili sei programmi.

    I sei segnali di bassa frequenza prodotti dalla Rai sono inviati  a degli amplificatori posti nelle centrali Telecom, il segnale proveniente dall'uscita degli amplificatori RAI entra insieme al segnale di centrale (blocchetto orizzontale) in un filtro di centrale, installato su un telaio al permutatore, con differente rapporto di trasformazione in relazione alla distanza dell'utente in modo da garantire il giusto livello di segnale al ricevitore. E' prevista per il segnale una attenuazione massima su doppino di 41dB per garantire alla presa utente un segnale con livello compreso tra i 10 e i 20 mV.

    Analogamente a quanto avviene ora per l'ADSL, presso il cliente c'è un altro filtro (centralizzato o distribuito sulle prese) che separa il segnale fonia dal segnale di filodiffusione. Questo filtro è diverso da quello sopra indicato perché in Italia tutti i sintonizzatori per Filodiffusione sono a tasti con frequenze preselezionate di  178  (1.680), 211 (1.421), 244 (1.229), 277 (1.083), 310 (968) e 343 (875)  kHz (m). Mentre il filtro ADSL è un passa-alto con frequenza di taglio di 22 kHz, i filtri FD hanno caratteristiche diverse.

    La larghezza di banda base nella Filodiffusione ad Alta Frequenza è di 15 kHz, quindi la qualità musicale è comparabile con quella del CD, anzi superiore perché non vi sono conversioni analogico-digitale e digitale-analogica e le uniche distorsioni sono quelle presenti sul doppino nel tratto centrale Telecom-utente. Trascurabili perché le frequenze portanti sono molto alte (anche 300 KHz) e la larghezza di banda è relativamente stretta (circa 30 KHz); a causa del trasporto del segnale su cavo può accadere in condizioni particolari che il filo faccia da antenna trasmittente e che lo si possa ricevere nelle vicinanze anche sulle Onde Lunghe via Radio.

    Si tratta comunque di distorsioni lineari facilmente correggibili con equalizzatore analogico. Il vantaggio del sistema di trasmissione analogica è l'estrema semplicità degli apparati (modulatori di ampiezza e amplificatori con carico resistivo) che conferisce una affidabilità estrema al servizio, e una non obsolescenza con le nuove tecnologie senza confronti, e la possibilità di distribuire il segnale della Filodiffusione su una rete telefonica interna semplicemente collegando fisicamente i due fili del doppino telefonico. E' quindi probabilmente il servizio di diffusione broadcast di costo minore al mondo.

    Il sistema di Filodiffusione offre alcuni vantaggi rispetto ad un normale radioricevitore: banda più larga, assenza di interferenze da altre emittenti, qulità nella banda OL incomparabilmente migliore delle altre emittenti, frequenze già preselezionate, non necessita di antenna esterna.

     

    Tecnica della produzione musicale

    I canali della Filodiffusione 1-2-3 replicano le trasmissioni di Radio1-2-3. In particolare il programma Filodiffusione 1 replica le trasmissioni sul canale Radio RAI in Onda Media (si differenzia da Radio1 FM per le audiodescrizioni).

    La produzione musicale specifica della Direzione Canali di Pubblia Utilità  riguarda quindi solo i canali di musica leggera (Radiofd4) e musica classica (Radiofd5).

    Dal 1958 fino al 1990 circa i programmi musicali venivano registrati su nastro per magnetofono a lunga durata (moduli di 4 o 6 ore) su flange metalliche di grande diametro. Un apparato elettromeccanico costruito ad hoc commutava periodicamente da un nastro al seguente.

    Fino al 1970 i programmi erano replicati nella stessa giornata 2 volte; il materiale era successivamente trasferito da una città all'altra cosicché nello stesso giorno gli impianti di Filodiffusione di Roma, Milano, Torino e Napoli trasmettessero programmi diversi.

    Dagli anni 1970 in poi la tecnologia permise di trasmettere con nastri per magnetofono di lunga durata in un ciclo produttivo ampliato a 18 ore giornaliere complessive e continuate di nuove trasmissioni, mentre le restanti 6 ore andavano in replica; le trasmissioni dei programmi di musica leggera e classica diventavano uniche su scala nazionale, mentre la percentuale di ore di replica variava a seconda delle esigenze di palinsesto.

    Nel 1995 le trasmissioni con nastro vennero integrate con dirette dagli studi delle sedi regionali di Napoli e Cagliari che arricchirono la programmazione di nuove rubriche con suono di qualità digitale.

    La necessità di abbandonare la registrazione su nastro magnetico e la progressiva scomparsa dei magnetofoni si tradusse nell'impiego 1994 dei sistemi automatici di trasmissione Media Touch System (MTS). Per la trasmissione del programma Auditorium nel 2000 venne introdotto il sistema della Tandberg per la registrazione digitale su nastro con durata di 24 ore e e nel 2001 per la programmazione delle trasmissioni venne introdotto il sistema Netia, sistema che consente l'impiego di suono digitalizzato in formato MPEG2 e la conseguente gestione automatizzata via computer della programmazione e della trasmissione. Attualmente Radiofd4 e Radiofd5 attingono alla Audioteca della Rai, sita in Saxa Rubra; che per un certo periodo (poi nacquero i data center) negli anni 90 fu per dimensione il primo e più grande archivio di dati online del mondo. I brani da trasmetetre vengono programmati in anticipo, e trasmessi automaticamente da sistemi computerizzati.

     

    Produzione digitale e servizi web

    Dal 2002, per il programma Auditorium, grazie alla maggiore efficienza consentita nella programmazione dall'impiego delle metodologie informatiche, la percentuale di ore di produzione recente (registrazione di concerti dal vivo e musica di recente realizzazione e messa in commercio su CD) è in crescita, tanto che è stato possibile realizzare nuovi programmi anche in orario serale serale, quando il numero di ascoltatori è maggiore.

    L'8 Maggio 2003 viene posto on line il nuovo sito web della Filodiffusione www.filodiffusione.rai.it che finalmente offre una via di comunicazione bidirezionale tra la redazione dei programmi e gli ascoltatori. Viene curata in particolare l'Accessibilità web, realizzando una sezione apposita.

    Nello stesso anno viene attivata la pagina 539 del Televideo di Rai1-2, che apre un canale di comunicazione anche verso l'utenza che non dispone di una connessione al worl wide web.

    Dal 2004 il nuovo sistema Netia - Octopus viene impiegato per la creazione e la gestione del palinsesto della Filodiffusione 5, mentre per la Filodiffusione 4 occorre attendere il Dicembre 2005 per l'attivazione del nuovo sistema DJ-Pro che, tramite Digiware, permette di gestire palinsesti di maggior complessità.

    Nel Marzo del 2006 viene posto on-line un nuovo sistema di gestione delle FAQ (Frequently Asked Questions) e della posta elettronica; è ora possibile inviare direttamente agli ascoltatori che si sono registrati sul sito web delle e-mail informative. È possibile indirizzare informazioni a gruppi separati anche in funzione delle preferenze di ascolto.

    Nell'Aprile 2006 è posto on-line un Questionario interattivo con cui gli ascoltatori possono indicare le loro preferenze musicale e anche dare un "voto" alla qualità della programmazione.

    Dal Maggio 2006, per accrescere l'accessibilità, è possibile vedere per ogni immagine posta sul sito un testo (alternativo alla visione, se inserito) esplicativo. L’evoluzione ha poi seguito quella di tutto il portale web della Rai. È stata attivata una newsletter. Sono adesso disponibili anche applicazioni per smartphone e i-Pad, e quindi è possibile riceverla anche in mobilità, grazie alla continua crescita di capacità della rete dati mobile.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847